Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

E si riaprono mercati per l'export

Raccolto spagnolo di kaki inferiore del 50% rispetto al potenziale

La produzione spagnola di kaki sarà nuovamente ridotta di circa il 20%, rispetto ai volumi raccolti nella stagione 2021/22. Ciò significa che la produzione è inferiore del 50% rispetto al potenziale attuale. Mentre la scorsa stagione sono state raccolte circa 240mila tonnellate, le previsioni iniziali per questa stagione indicano un raccolto compreso tra 180mila e 200mila tonnellate. Le prime raccolte inizieranno ai primi di settembre.

Secondo il presidente della Spanish Kaki Association, Pascual Prats, la carenza di volumi sarà molto più evidente nella prima parte della stagione. "Le abbondanti piogge cadute durante i mesi di marzo e aprile e la mancanza di sole, hanno messo a dura prova la fioritura. Le consegne di inizio stagione saranno inferiori in termini di volumi ma, se tutto andrà secondo i piani, aumenteranno a partire da metà anno".

Molte zone di produzione delle varietà di kaki Ribera del Xúquer, come Alzira, Rafel Guaraf, Carcaixent, Vilanova de Castelló o Alberic, tra gli altri, hanno avuto molti problemi con le mosche bianche e le mosche nere. "Oltre all'impatto del clima, la principale causa del calo produttivo di quest'anno è la presenza di parassiti e malattie in diverse aree di produzione. Questa è una conseguenza del fatto che i coltivatori sono stati costretti a ridurre il numero di trattamenti, a causa della scarsa redditività delle ultime campagne", spiega Pascual Prats, aggiungendo che "sembra che quest'anno la cocciniglia sia un po' più sotto controllo, dato che nei campi ci sono meno frutti. Vedremo come si svilupperà la situazione nel corso della campagna".

I costi dei trattamenti contro parassiti e malattie, dell’acqua o degli input, così come i costi della raccolta, della gestione e del confezionamento sono tutti aumentati tra il 30 e il 50% per i produttori e i commercianti di kaki, prima dell'inizio della campagna.

"Produrre quest'anno è un po' più costoso rispetto all'anno scorso. Ad esempio, il costo della CO₂, indispensabile per la maturazione dei kaki e per eliminarne l'astringenza, è raddoppiato rispetto alla scorsa stagione. Da oggi produrre un chilogrammo di kaki costerà in media 0,22 euro in più rispetto alla scorsa stagione. Riusciremo a trasferire questo aumento sui prezzi di vendita? Dipenderà dalle catene di distribuzione. Quello che è chiaro è che se vendiamo allo stesso prezzo dell'anno scorso, non realizzeremo profitti, ma solo perdite", avverte Pascual Prats.

"I costi sono così alti che probabilmente ci saranno pochi produttori in grado di coprirli. Cercheremo di irrigare e trattare il minimo indispensabile, perché è così che i coltivatori di kaki sono riusciti a sopravvivere nelle ultime stagioni. Bisogna considerare che, negli ultimi 5 anni, non sono stati piantati kaki e, negli ultimi 3 anni, circa il 5% della superficie è stata abbandonata o sradicata per problemi di redditività", afferma Prats.

La Bielorussia riapre, il Perù potrebbe aprire quest'anno e la Cina è sempre più vicina
Tuttavia, non ci sono solo cattive notizie per il settore dei kaki perché quest'anno potrebbe aprirsi il mercato peruviano. Anche la Bielorussia potrebbe riaprire e il mercato cinese è sempre più vicino all'apertura.

"Stiamo aspettando che gli ispettori peruviani su qualità e salute delle piante vengano a trovarci e ci diano il via libera, in modo da poter iniziare a esportare in Perù già in questa stagione. Nel frattempo, insieme alla Spanish Kaki Association e ad altre cooperative di produttori, abbiamo preso i contatti necessari attraverso il Ministero spagnolo dell'agricoltura, allevamento e pesca per organizzare, entro la fine di ottobre, la visita degli ispettori cinesi nei campi spagnoli e per continuare a fare passi avanti per ottenere la firma di questo protocollo. Siamo fiduciosi che riusciremo ad aprire il mercato cinese il prossimo anno. È una destinazione che potrebbe assorbire dei buoni volumi a prezzi interessanti, anche se è molto esigente in termini di qualità. È un progetto che abbiamo presentato a tutto il settore quattro anni fa e che speriamo si concretizzi presto", conclude il presidente della Spanish Kaki Association.

Per maggiori informazioni: 
Asociación Española del Kaki
+34 902 920 515
info@aekaki.es 
aekaki.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto