Kees van den Bosch, di Freeland:

"La siccità ha provocato una buona domanda di ortaggi da pieno campo, soprattutto nel Regno Unito"

La siccità nei Paesi Bassi, ma anche altrove in Europa, ha un impatto significativo sul mercato degli ortaggi coltivati all'aperto, osserva Kees van den Bosch dell'azienda olandese Freeland. "Questo si traduce in una domanda supplementare da parte di vari Paesi, ma è soprattutto il Regno Unito che mostra una richiesta elevata. Lì non ci sono impianti di irrigazione ovunque e molti campi si sono seccati. Ciò ha portato a una domanda elevata e a prezzi alti, ad esempio, per broccoli, cavoli e lattuga iceberg".


Una coltivazione in Regno Unito

"Attualmente i prezzi del nuovo raccolto di cavolo cappuccio sono intorno a 0,55-0,60 euro. Normalmente il prezzo è la metà. Anche la lattuga Iceberg scarseggia. Il prodotto è appena sufficiente a soddisfare la domanda. Ciò si traduce in un livello di prezzo compreso tra 7 e 7,50 euro per cassetta. Ma i coltivatori di lattuga iceberg hanno dovuto recuperare dopo i primi due mesi negativi - continua Kees - Il prezzo dei broccoli si è un po' normalizzato, ma tre settimane fa costava ancora il doppio".

"Anche i porri hanno sofferto molto della siccità. L'offerta limitata di agrofarmaci sta causando molti problemi di qualità. La pressione dei tisanotteri in particolare è molto alta. Ciò non ha ancora portato a prezzi elevati perché sono davvero troppo bassi. È iniziato anche il nuovo raccolto di sedano rapa. Quel mercato sta procedendo per la sua strada con una domanda normale".

"Per molti coltivatori la situazione è disperata. Bisogna irrigare molto e qua e là si è anche ostacolati dai divieti di irrigazione. Nemmeno per le prossime due settimane è prevista molta acqua - afferma l'esportatore - Tradizionalmente, anche la domanda standard di verdure da cucina aumenterà un po' ora che le vacanze stanno per finire, ma per il resto il mercato è tranquillo. È come se stessimo solo cercando di colmare le carenze".

"La siccità altrove offre la prospettiva di prezzi elevati. Il nostro fornitore tedesco, ad esempio, ha già inviato una lettera chiedendo comprensione perché non può consegnare tutto. Anche le fabbriche si affannano a comprare di più perché i loro fornitori abituali non riescono a rispettare i loro obblighi. È sempre difficile fare previsioni nel nostro commercio, ma ci si può aspettare una buona domanda di verdure da pieno campo".

Per maggiori informazioni:
Kees van den Bosch
Freeland B.V.
Nijbracht 126
7821 CE Emmen - Paesi Bassi
+31 0591 670570
+31 6 51406694
kees@freeland.nl 
www.freeland.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto