Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Preoccupanti le continue flessioni in produzione e la possibile diffusione della Sharka

Il settore della frutta estiva della Comunità Valenciana è a rischio

Dopo aver analizzato gli ultimi dati su questa campagna forniti dal Ministero dell'Agricoltura, l'associazione spagnola LA UNIÓ de Llauradors ha dichiarato: "Il settore della frutta estiva della Comunità Valenciana è a rischio e potrebbe diventare irrilevante. Il clima sfavorevole della primavera, con piogge persistenti e basse temperature, oltre a un inverno senza ore di freddo, ha causato una significativa diminuzione del raccolto".

"In questa campagna la Comunità Valenciana ha prodotto circa 25.000 tonnellate di albicocche, pesche, susine e ciliegie, cioè il 65% della media delle ultime campagne e il 66% in meno rispetto alla produzione del 2021, escluse le nettarine".

"per quanto riguarda le pesche, la riduzione della produzione valenciana è stata allarmante: circa il 50% in meno rispetto alla media degli ultimi cinque anni. E sempre rispetto alla media delle ultime cinque campagne, la produzione di susine è diminuita del 67%. La produzione di albicocche si è attestata solo al 25% della media delle ultime cinque campagne. Per quanto riguarda le ciliegie, nella migliore delle ipotesi si è registrata una riduzione del 59% rispetto alla media quinquennale e, in casi specifici, si è perso fino al 100%".

"Oltre a questa flessione produttiva dovuta alle condizioni climatiche, è stata rilevata la Sharka nelle pesche coltivate a Carrícola (Vall de Albaida). Finora questa malattia aveva colpito solo i coltivatori di albicocche", aggiunge l'organizzazione.

LA UNIÓ è consapevole che la Sharka non è considerata una fitopatia da quarantena nell'Ue e, pertanto, le azioni da intraprendere possono essere condizionate, ma la gravità della situazione e il fatto che siamo all'inizio dell'infezione richiede un'azione rapida e incisiva.

A questo proposito, LA UNIÓ ha già chiesto al Ministero dell'Agricoltura di adottare misure in risposta a questo rilevamento. È stato chiesto:

  • di sanzionare i vivai che non hanno garantito la salubrità delle piante e di stabilire un protocollo d'azione che includa alcune misure per combattere la fitopatia;
  • di includere in queste misure la tracciabilità delle vendite di piante da vivaio per individuare eventuali appezzamenti colpiti o potenzialmente colpiti;
  • misure e raccomandazioni obbligatorie sul fatto che le persone che hanno piante colpite o potenzialmente colpite nei loro lotti devono adottare;
  • misure che garantiscano la non dispersione di materiale vegetale dai lotti colpiti o potenzialmente colpiti;
  • il recupero e l'istituzione della linea di bilancio, una richiesta che LA UNIÓ ha fatto a giugno, per compensare i costi di estirpazione dei lotti colpiti, la disinfezione e la nuova semina.

Per maggiori informazioni:
LA UNIÓ de Llauradors
+34 963 530 036
launio@launio.org
launio.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto