Paris Karastergios, Kastargiou P. Bros S.A.

"Stiamo cercando di entrare nel mercato dell'Oman con la pera Santa Maria e in quello egiziano con la Coscia"

La stagione della raccolta delle pere greche è quasi finita. A riferirlo è Paris Karastergios, coordinatore import-export dell'azienda d’esportazione greca Kastargiou P. Bros S.A.

"Abbiamo finito di raccogliere le nostre pere, circa il 90% del raccolto. Sono rimasti solo pochi lotti di frutti più piccoli. Al momento, la raccolta prosegue con le varietà destinate soprattutto all’industria conserviera: le pere Highland, Sissy e Williams. In questa stagione, il clima in Grecia è stato favorevole per la qualità delle pere. Non abbiamo avuto grossi danni da gelo durante la fioritura, a differenza dell’anno scorso. Inoltre, non ci sono state precipitazioni durante il periodo di raccolta, che è durato dal 20 luglio al 22 agosto, e le temperature non hanno superato i 35 °C, quindi non abbiamo avuto neanche scottature da sole. Tutto ciò significa che, per tutte e tre le nostre varietà principali, la produzione è stata superiore di circa il 15-20% rispetto alla campagna dell'anno scorso".

"Le nostre principali varietà di pere da esportazione sono la Coscia, detta anche Ercolini, e la Santa Maria. Forniamo anche la Blanquilla, che non è molto conosciuta nel nord Europa, ma è la varietà più venduta sul mercato domestico, e molto apprezzata anche in Israele. In termini di volumi, lavoriamo di più con le pere Santa Maria, e poi con le Blanquilla. La Coscia non è una varietà molto coltivata, rispetto agli anni precedenti, perché la maggior parte dei coltivatori la sostituisce con la Santa Maria", spiega Karastergios.

"L’esportazione delle diverse varietà cambia anche a seconda dei mercati di destinazione, a parte la Santa Maria che è molto apprezzata sia in Europa che in Medio Oriente. Esportiamo tutte le nostre varietà in Israele e Giordania, mentre la Santa Maria viene esportata anche in Repubblica Ceca, Bulgaria, Libano e Arabia Saudita. La Coscia è molto apprezzata in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, dove abbiamo iniziato ad esportare in questa stagione".

Come molti altri Paesi europei, anche la Grecia sta affrontando una grave carenza di manodopera che comporta costi più elevati della raccolta. Ma, alla fine, la Kastargiou è riuscita a completarla. "Finora, la sfida principale per i nostri coltivatori è stata trovare i raccoglitori. In ogni regione d'Europa, c'è una grave carenza di manodopera per la raccolta. Anche in Grecia, la maggior parte dei raccoglitori di frutta dell'anno scorso, o non è tornata o ha preferito altri lavori, principalmente nel settore del turismo. Questo problema ha portato a dei ritardi nella raccolta e a costi più elevati che, a loro volta, hanno determinato anche un aumento dei prezzi. Alla fine, per poter portare a termine la raccolta, i coltivatori hanno dovuto cercare manodopera in alcuni dei centri di accoglienza per rifugiati che si trovano vicino alla nostra regione di produzione".

Kastargiou vorrebbe vedere le pere raggiungere nuove destinazioni in questa stagione. "Stiamo cercando di entrare nel mercato dell'Oman con le pere Santa Maria e in quello egiziano con le pere Coscia e, allo stesso tempo, stiamo rafforzando i nostri rapporti con i nostri fedeli clienti in Israele. Un altro mercato interessante per la Santa Maria è la Germania, dove queste pere vengono consumate all'inizio dell'autunno, prima di passare alle pere Conference. La stagione sarà in pieno svolgimento nei mesi di settembre-ottobre e durerà fino a febbraio per la Santa Maria e fine maggio per la Blanquilla. Abbiamo tempo per discutere con i potenziali clienti della possibilità di lavorare insieme".

"Infine, stiamo lavorando per ampliare il nostro calendario di prodotti con l’aggiunta di un paio di varietà come la Williams Bon Chretien, una pera con una lunga shelf life e una maggiore resistenza a tempi di transito più lunghi, così da poter raggiungere le destinazioni dell'Estremo Oriente", conclude Karastergios.

Per maggiori informazioni:
Paris Karastergios
Karastergiou P. Bros S.A.
Tel.: +30 24610 26940
Cell.: +30 693 2469117
Email: paris.karastergios@karastergioubros.gr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto