Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

A luglio la Cina ha esportato per la prima volta oltre 200mila tonnellate di aglio

In Cina il commercio di aglio sta entrando nella sua fase conclusiva in questi giorni (fine di agosto). Secondo i dati doganali diffusi, nel mese di luglio 2022, le esportazioni di aglio sono state soddisfacenti in quanto per la prima volta hanno superato le 200mila tonnellate.

Secondo fonti ufficiali, a luglio 2022 le esportazioni cinesi di aglio sono state pari a 241.600 tonnellate, per un valore totale di 231 milioni di euro. Di questo totale, la quantità di aglio fresco o congelato è stata di circa 217.400 tonnellate, con un aumento del 31,45% rispetto alle 165.400 tonnellate registrate nello stesso mese dell'anno precedente, mentre il valore delle esportazioni è stato di 175 milioni di euro, con un aumento del 4,02% rispetto ai 169 milioni di euro dello stesso mese dell'anno precedente.

A luglio 2022 i primi dieci Paesi/regioni per le esportazioni cinesi di aglio fresco o congelato sono state Indonesia, Vietnam, Malesia, Thailandia, Filippine, Pakistan, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Bangladesh e Federazione Russa.

Il prezzo medio di acquisto dell'aglio non stoccato durante la stagione di raccolta del 2020 è stato di circa 3,44 yuan/kg (1,72 euro). Il prezzo medio di acquisto dell'aglio a luglio di quest'anno è stato di circa 3,84 yuan/kg (1,92 euro), una buona base per la crescita positiva delle esportazioni di aglio.

Il mese di luglio è stato l'apice della stagione per il commercio dell'aglio e l'enorme aumento del volume delle esportazioni ha dimostrato la forte domanda di aglio cinese sul mercato internazionale.

Fonte: International Garlic Trade Network


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto