Paul van den Elzen, Van den Elzen Groentenverwerking:

"L'attuale situazione del mercato dei porri è normale, ma le annate più secche di solito sono le migliori"

La domanda di porri è stata normale quest'estate, secondo Paul van den Elzen della olandese Van den Elzen Groentenverwerking, il quale è ottimista sul resto della stagione. "Penso che la siccità in tutti i Paesi di coltivazione favorirà la domanda. Ci sono meno chili ovunque, e quindi prevediamo che, entro due mesi, ci sarà una carenza di porri".

"Attualmente i prezzi sono quelli usuali, tra 0,55 e 0,60 euro sul mercato libero. Sono in leggero aumento, ma non stanno raggiungendo i livelli previsti, mentre i costi sono aumentati dal 10 al 15%. Le prime scuole olandesi hanno appena riaperto e fa ancora molto caldo questa settimana. Anche questo ha un impatto", afferma Paul.

"I nostri clienti sono dislocati in tutta Europa: dai supermercati ai ristoranti, dai commercianti ai trasformatori di verdure. Al momento, i Paesi dell'ex blocco orientale stanno andando particolarmente bene sul mercato. Le vendite verso Paesi dell'Europa meridionale come Spagna, Italia e Portogallo, ma anche la Scandinavia, sono molto più tranquille".

Siccità, tripidi e acqua
La coltivazione del porro olandese non si è salvata dalla siccità. "La fornitura è inferiore e, sebbene ci siano porri in magazzino, vengono segnalati molti problemi. I tripidi sono un problema particolarmente grave: infestano i porri, fermandone la crescita. E non abbiamo più i mezzi a nostra disposizione per combatterli", spiega Paul.

"Anche l'acqua è un problema. Stiamo irrigando molto, ma l'acqua piovana è sempre migliore, soprattutto perché alcuni pozzi contengono ruggine, molto dannosa per le foglie. Utilizziamo un annaffiatoio tra i filari per irrigare i porri più grandi. Quindi, l'acqua non danneggia il raccolto e può scorrere 24 ore su 24, 7 giorni su 7".

Il coltivatore afferma che, negli ultimi anni, lo sviluppo dei porri è stato limitato. "Le persone preferiscono i porri di 3 cm e leggermente più corti di 40 cm circa, praticamente quelli che coltiviamo noi. Cerchiamo di innovare e automatizzare il più possibile", continua Paul. "C'è ancora bisogno di molta automazione e robotizzazione nella produzione perché comporta i costi più elevati. Tuttavia, l’automazione è ancora carente. I porri non sono un prodotto uniforme e bisogna fare i conti con sabbia e acqua".


Gijs van den Oever e Paul van den Elzen

Alla domanda sul futuro dei porri, Paul prevede un ulteriore sviluppo. "Adesso ci sono circa 200 aziende di coltivazione di porri, di cui forse la metà rimarrà in attività. La superficie sarà proporzionata alla domanda, come è evidente in altri gruppi di prodotti. Ho ancora speranze per quest'anno perché i nostri anni migliori sono stati quelli più secchi È in questo che dobbiamo distinguerci".

Per maggiori informazioni:
Paul van den Elzen
Van den Elzen Groenteverwerking
21 Duifhuizerweg
5406 TB, Uden - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0) 413 782 999
Email: paul@prei.nl
Web: www.prei.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto