Hannes Schaffler, co-managing director della VON HERZEN Biobauern:

"Topaz e Gala sono le varietà più diffuse in Austria"

La VON HERZEN Biobauern Ltd, fondata nel 2008 a Puch (vicino a Weiz, Austria) dal frutticoltore e managing director Martin Pfeiffer, può raccogliere e commercializzare fino a 25.000 tonnellate di mele e pere biologiche all'anno. Tuttavia, come ci dice il co-managing director Hannes Schaffler, l'azienda fornisce anche frutta estiva come mirtilli, ciliegie, ribes rosso, pesche e susine, tutti biologici. Inoltre, Schaffler ci ha parlato delle specialità della comunità della Stiria orientale.


I due managing director: Martin Pfeiffer e Hannes Schaffler (a destra) presso il loro stand a Biofach 2022.

Topaz e Gala sono le varietà più diffuse in Austria
"Una delle mele preferite dagli austriaci continua ad essere la varietà biologica Topaz. Viene coltivata nella nostra regione e può essere fornita per oltre otto mesi, poiché disponiamo di un impianto di stoccaggio a controllo dinamico, che conferisce alle mele una lunga shelf life. La Topaz è molto apprezzata dai nostri clienti, anche per il suo sapore asprigno. Può essere consumata praticamente tutto l'anno perché è una mela naturale robusta e molto resistente alla ticchiolatura", afferma Schaffler.

Insieme alla Topaz, a detta di Schaffler, la varietà più popolare in Austria è la Gala, che, a differenza della Topaz, tende ad avere un sapore più dolce e calibri più piccoli. "Questa varietà è particolarmente adatta per i bambini, ma anche per fare la composta o per il consumo fresco, ad esempio come snack. Va inoltre sottolineato che è molto apprezzata dai nostri mercati d’esportazione di Scandinavia e Inghilterra, dove si vende in grandi quantità. Non appena la stagione tedesca terminerà, esporteremo le nostre mele anche in Germania".

Poiché la Topaz è una varietà molto sensibile al gelo, i raccolti variano di anno in anno, secondo Schaffler. "Per ettaro, abbiamo circa 30 tonnellate di resa in un’annata normale, che moltiplicate per 5-6 significa circa 200mila mele che possiamo raccogliere".


Fanno parte della linea di prodotti dell'azienda anche ribes rosso, mirtilli, ciliegie e altri frutti biologici.

25% di superficie biologica in Austria
Secondo i dati pubblicati dalla Camera di commercio austriaca, la quota di prodotti biologici venduti in Austria è dell'11%, dice Schaffler. "A sua volta, la quota di superficie di coltivazione è di poco inferiore al 25%. Quindi, rispetto ad altri Paesi, la quota di produzione di frutta biologica qui in Austria è piuttosto alta. Tuttavia, sul mercato austriaco, le vendite di frutta biologica sono ancora limitate, motivo per cui li possiamo anche esportare. A seconda della stagione e del mese, abbiamo una quota biologica del 12-15% nella vendita al dettaglio di prodotti alimentari austriaci".

Crescente domanda di mirtilli biologici
"I mirtilli biologici sono un frutto estivo molto popolare che registra una crescita sempre maggiore in Austria. I mirtilli sono molto molto apprezzati soprattutto tra le giovani generazioni. Vediamo ancora molto potenziale di crescita sul mercato per questo prodotto. Siamo ovviamente felici di avere un altro prodotto, insieme alla mela, che piace molto ai consumatori. La sfida sta ancora una volta nel trovare la confezione giusta e, soprattutto, la giusta dimensione per convincere i clienti", afferma Schaffler.

Più problematica la coltivazione di ribes rosso e pesche
Per frutti come il ribes rosso, che attirerebbero solo una ristretta clientela, Schaffler non vede un grande potenziale di sviluppo. "Per la pesca biologica, registriamo un buon andamento delle vendite. Tuttavia, questo frutto presenta ai coltivatori diverse sfide dal punto di vista della produzione, motivo per cui sono restii a un suo ulteriore sviluppo. Dopotutto, i coltivatori dovrebbero poter guadagnare qualcosa, e questo prodotto non dà certezze in tal senso".

Buona crescita per susine e ciliegie biologiche
Al contrario, Schaffler registra buone vendite di susine e ciliegie biologiche. "Per le ciliegie, al momento abbiamo un ottimo programma con il quale possiamo fornire l'intero settore della vendita al dettaglio. Cerchiamo anche il giusto imballaggio e il peso adeguato per questi prodotti, per cercare di convincere il consumatore sull’acquisto. Infatti, le ciliegie biologiche hanno il potenziale per diventare un prodotto di punta".

L’obiettivo è raggiungere il 20% nelle vendite di prodotti biologici
Alla domanda sull'andamento dei prezzi, Schaffler sottolinea la necessità per i clienti di continuare a potersi permettere l’acquisto delle merci e, allo stesso tempo, utilizzare maggiormente i prodotti biologici. Secondo lui, questo favorisce sia il clima che la sostenibilità in tutta l'Austria. "Probabilmente, tra qualche anno, riusciremo a raggiungere il 20% nella vendita di prodotti biologici. Dopotutto, siamo attrezzati e abbiamo anche abbastanza merce disponibile per poter soddisfare la domanda. Considerata la buona qualità che forniamo, tale obiettivo dovrebbe essere raggiunto, soprattutto se miglioriamo la consapevolezza tra i consumatori".


Il prodotto principale della VON HERZEN Biobauern: le mele.

Forte aumento dei costi di stoccaggio
Tuttavia, la cooperativa della Stiria non è esente dagli alti costi di produzione. "Lavoriamo con celle refrigerate continuamente in funzione, che ora sono alimentate a elettricità. Possiamo coprire una parte dell’energia necessaria grazie al nostro impianto fotovoltaico ma, in generale, prevediamo un forte aumento dei costi nel settore dello stoccaggio", dice Schaffler.

"Negli ultimi sei mesi, i costi d’imballaggio sono aumentati. Poiché i prodotti biologici vengono forniti soprattutto confezionati, i costi in quel settore incidono anche sulla nostra attività. Soprattutto se si guarda al nostro imballaggio, ad esempio, che consiste in cartone al 100%. In questo caso, i prezzi sono aumentati di circa il 25-30% rispetto all'anno precedente".

Grazie ai grandi ordinativi dell'anno precedente, l'azienda è stata in grado di soddisfare le richieste d’imballaggio. Tuttavia, per i nuovi ordini sarà più difficile. In termini di costi di trasporto, Schaffler prevede un aumento dal 25 al 30%. "Al momento non abbiamo trovate delle alternative valide per poter regolamentare la questione dei trasporti nel prossimo anno. Per gli stessi coltivatori, anche i costi di produzione, come quelli di carburante e personale, sono aumentati notevolmente, soprattutto perché è abbastanza difficile trovare personale", conclude Schaffler.

Per maggiori informazioni:
Hannes Schaffler
VON HERZEN Biobauern GmbH
Harl 73
8182 Puch / Weiz - Austria
+43 3177 2201 4000
office@vonherzenbio.at 
vonherzenbio.at


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto