Julie Petersen, Nature Preserve:

"I calcoli dell'impronta di carbonio non devono essere un problema o colpire il budget"

"Il calcolo dell'impronta di carbonio non deve essere un problema né colpire il budget. Noi lo rendiamo semplice, conveniente e accessibile a tutti i coltivatori. Attraverso la nostra piattaforma, li aiutiamo a gestire l'impatto sul clima lungo le loro catene di approvvigionamento, in modo efficace, efficiente ed economico", afferma Julie Petersen, responsabile sostenibilità e sviluppo presso la Nature Preserve di Copenaghen, in Danimarca.

Dopo aver condotto una fase pilota, Nature Preserve è passata alla commercializzazione della sua piattaforma di valutazione dell'impatto climatico e ambientale per l'industria alimentare. Spesso i produttori e le imprese che operano lungo la catena del valore non hanno esperienza e anche se fare delle valutazioni climatiche è molto costoso, richiede troppo tempo e non è accessibile, potrebbe presto diventare un requisito nell'Ue per dimostrare le dichiarazioni di sostenibilità.

"Utilizziamo la metodologia Environmental Footprint 3.0, approvata dalla Commissione Europea per l'etichetta PEF (Product Environmental Footprint). Quello che vediamo in Danimarca è che il governo danese sta già spingendo per un'etichetta climatica per gli alimenti, a livello locale. Questo porta le organizzazioni e i marchi a collaborare. La domanda è: diventerà prima un requisito legale o di mercato? Aiutiamo le aziende a prepararsi. Anche quelle che non hanno sede in Europa ma vi esportano i prodotti, potrebbero trarne vantaggio iniziando ora. Il nostro sistema consente alle aziende di capire l'impatto lungo l'intera filiera. Li aiuta inoltre a ridurre l'impatto climatico e può supportare le aziende nel loro percorso di sostenibilità verso lo zero netto".

Nature Preserve ha lavorato con produttori in tutta la Danimarca, in Europa e in altri Paesi dove ha rilevato un interesse, dove i retailer chiedono ai produttori di mostrare l'impatto sul clima dei loro prodotti. "I coltivatori, soprattutto nei Paesi Bassi, stanno cercando di promuovere la metodologia Hortifootprint, per calcolare l'impatto specifico del prodotto quando si tratta di ortofrutta. Anche noi della Nature Preserve possiamo fornire questo metodo. Mentre la maggior parte pensa alle valutazioni dell'impatto climatico come uno strumento per l'agenda della sostenibilità, non dobbiamo dimenticare che potrebbe essere uno strumento per le aziende per ridurre le inefficienze della catena di fornitura e aumentare i profitti".


Il team della Nature Preserve: Anantha Peramuna, Julie Petersen e Hansol Bae

"Supermercati e rivenditori hanno aderito all’iniziativa Science Based Targets per ridurre le emissioni e sono alla ricerca di coltivatori più sostenibili. Un produttore extra-europeo può verificare se la sua produzione è più sostenibile di quella dei coltivatori locali europei. Come consumatori, spesso pensiamo che il trasporto abbia l'impatto maggiore, ma non è necessariamente così. Ad esempio, un produttore sudafricano potrebbe sostenere che, sebbene trasporti i prodotti in Europa, può essere ancora più sostenibile di un'azienda locale, ma ha bisogno dei calcoli per confermarlo", spiega Petersen

"Abbiamo clienti dall'Europa e dal Nord America. Utilizzando il nostro sistema, queste aziende ci dicono che misurare la loro impronta ambientale non è così difficile come pensavano all'inizio, e certamente non così costoso. Addebitiamo 600 euro a prodotto e il prezzo include eventuali aggiornamenti annuali", ha concluso Petersen.

Per maggiori informazioni:
Julie Petersen
Nature Preserve
Tel.: +4 542 497 798 
Email: jp@naturpreserve.co 
Web: www.naturepreserve.co


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto