Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Progetto GECO2

Mercato dei crediti di carbonio, imprese frutticole in prima linea

Il progetto GeCO2 ha terminato la sua prima fase di sperimentazione, dimostrando che il mondo agricolo può "creare" e vendere crediti di carbonio. Ora sta alla politica decidere di portarlo avanti e inserirlo, ad esempio, nella prossima PAC.

"Fra poche settimane effettueremo la rendicontazione - spiega il project manager di GECO2, Antonio Cinti - ma abbiamo già dei risultati chiari. Premessa: abbiamo coinvolto 160 aziende agricole che hanno condotto i propri frutteti e vigneti secondo protocolli prestabiliti. Nulla di eccezionale, ma pratiche agronomiche che portano a sequestrare anidride carbonica, dando così un bilancio positivo fra emissione e assorbimento, a favore dell'assorbimento. In media, le imprese hanno sequestrato oltre 2,5 tonnellate di CO2 a ettaro, con punte di 7. Un credito di CO2 è pari a 1 tonnellata di CO2 equivalente".

Il progetto ha quindi dimostrato che il mondo agricolo può contribuire a migliorare il clima del pianeta, assorbendo più CO2 di quella che emette. "E nel bilancio abbiamo inserito anche tutte le emissioni a monte, nel caso si usassero concimi di sintesi e antiparassitari, ad esempio".

Le 160 imprese che hanno aderito, scelte fra oltre 300 contattate, sono dislocate in 7 regioni: Emilia Romagna, Marche, Molise, Puglia e in Croazia. GECO2 ha costruito da zero un mercato volontario di crediti di carbonio funzionante, creando gli strumenti informatici di calcolo e la piattaforma online di incrocio tra domanda e offerta.

Ha inoltre definito un protocollo di coltivazione ad hoc, individuando e promuovendo tra gli agricoltori partecipanti 10 pratiche agricole che favoriscono lo stoccaggio del carbonio nei suoli e nelle biomasse: si va dalla gestione biologica alla lavorazione conservativa del suolo, dall'uso di colture di copertura all’integrazione di siepi, filari e macchie forestali nei campi, fino al riutilizzo dei residui legnosi e dei residui verdi come fonte di materia organica nel suolo.

Completano il decalogo l’utilizzo di ammendanti organici, il mancato ricorso ai fertilizzanti sintetici, la riduzione dell'uso di pesticidi e il riciclo ottimale della materia organica, grazie alla biomassa prodotta all’interno dei campi sperimentali. Molto intensa anche la fase formativa, con 42 seminari (18 nella fase preliminare e 24 nella fase pilota) rivolti ad agricoltori, imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini. Completa il quadro il marchio “CO2 free” pensato per supportare la comunicazione del progetto.

GECO2, finanziato dal programma Interreg dell’Unione Europea, è partito nel 2019 e ha fatto collaborare otto partner delle regioni adriatiche di Italia e Croazia: Arpae Emilia-Romagna, Legacoop Romagna, le Regioni Marche e Molise, l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, Rera sd per il coordinamento e lo sviluppo della Provincia di Spalato Dalmazia, Agrra-Zara e la Regione di Dubrovnik Neretva.

Per maggiori informazioni
Progetto GECO2
almcinti@gmail.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto