Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I rivenditori vanno avanti più a lungo con il vecchio raccolto

Le vendite di patate novelle olandesi sono tornate al punto di partenza, dopo la spinta della pandemia

Le vendite di patate novelle sono state deludenti fin dall'inizio della stagione. "Sono cominciate lentamente e hanno mantenuto tale andamento - afferma David Hage, direttore dell'asta ortofrutticola Alvantho - Quest'anno siamo riusciti a raccogliere in anticipo e speravamo che il mercato fosse pronto, ma non lo è".

"Varietà come la Bildstar e la Eigenheimer continueranno ad esistere, ma sono diventate di nicchia. Tuttavia, le vendite delle varietà principali Doré e Frieslander sono semplicemente deludenti e siamo già a quasi due mesi dalla stagione - osserva David - Il prezzo non è nemmeno il problema, sul mercato dei futures c'è anche un centesimo in più ogni tanto. Le patate vendute, però, sono semplicemente troppo poche".


David Hage

"I negozi di specialità e i venditori al mercato non riescono a commercializzare a sufficienza, quindi abbiamo davvero bisogno del settore della vendita al dettaglio. Tuttavia, se questo non entra in gioco non si può andare avanti. Il recente clima caldo non è un fattore determinante; il mercato non ne risente. Durante il periodo di pandemia il consumo di patate da mensa è risultato discreto, ma ora si può notare che le vendite sono di nuovo in calo", conclude il direttore dell'asta.

Il direttore di Nedato, Wim van de Ree, conferma l'effetto del coronavirus sul mercato delle patate. "L'ascesa che abbiamo vissuto quando è scoppiata la pandemia è davvero finita. Forse speravamo che il consumatore avesse riscoperto la patata. Rispetto all'anno scorso le vendite sono in ritardo, ma siamo ancora intorno al livello pre-pandemia del 2019".


Wim van de Ree

"Inoltre, continua il calo del consumo di patate fresche e non lavorate. Prima della pandemia il calo era di circa il 4-6% all'anno e vediamo che questo trend continua - sostiene Wim - Un altro effetto che notiamo è che i rivenditori continuano a utilizzare i vecchi raccolti olandesi molto più a lungo, perché desiderano rifornirsi di patate locali tutto l'anno. Nei Paesi Bassi siamo perfettamente in grado di conservare le patate fino alla fine di giugno. Siamo alla terza settimana di patate d'importazione e a breve passeremo al nuovo raccolto di patate da industria olandesi, a buccia soda".

Voor meer informatie:
David Hage
Alvantho
Langeweg 11
4697 ZG St. Annaland - Paesi Bassi
+31 (0)166 652 450
veiling.sa@alvantho.nl 
www.alvantho.nl 

Wim van de Ree
Nedato
Jan van der Heijdenstraat 48
3261 LE Oud-Beijerland - Paesi Bassi
+31 (0)186 645 945
wvanderee@nedato.nl   
www.nedato.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto