Mark Vernooij (Urfruit):

"Il mercato delle pere non si è ancora ripreso dall'inizio del conflitto in Ucraina"

La stagione delle pere olandesi si sta concludendo ed è stata molto al di sotto delle aspettative. "L'anno scorso pensavamo tutti di avere oro verde che cresceva sugli alberi e che la vendita sarebbe stata facile a causa della produzione europea storicamente bassa", afferma Mark Vernooij dell'azienda olandese Urfruit.


Mark Vernooij (a destra) con il team di Urfruit durante Fruit Logistica

"Tenendo conto di questo, tutti sono partiti abbastanza puntuali e abbiamo iniziato con buoni prezzi. Di conseguenza, i clienti al dettaglio hanno probabilmente prestato meno attenzione alle pere all'inizio dell'anno. Nonostante ciò, a gennaio le vendite hanno iniziato ad aumentare e sembrava che la seconda metà della stagione dovesse essere piacevole. Ma la guerra in Ucraina ha sconvolto l'intero mercato dell'Europa orientale, per cui non siamo riusciti a posizionare gran parte del volume".

"Dalla fine di febbraio a marzo le vendite di pere hanno subito una flessione. Ad aprile il mercato è tornato ad essere meno ostile, ma alla fine non si è mai ripreso del tutto - continua Mark - Non mi aspetto che rimangano molte pere, al momento. Inoltre, è un mercato deludente per chi ha conservato i frutti a lungo in magazzino, assumendosi il rischio di costi di raffreddamento aggiuntivi e di perdite. In effetti, il prezzo medio delle pere è ancora a un livello inferiore rispetto a febbraio".

"Al momento non sta accadendo molto nel mercato libero. I programmi continuano a funzionare abbastanza bene. Al momento l'esportazione si concentra principalmente nei Paesi scandinavi, in Germania, nel Regno Unito e sporadicamente nell'Europa meridionale. Quest'anno sono state deludenti anche le esportazioni verso destinazioni lontane. Spesso si nota che quando i prezzi in Europa sono più alti, le destinazioni lontane scendono di un certo livello".

Per la nuova stagione l'esportatore di pere è ottimista. "L'inizio sarà anticipato di due o tre settimane rispetto all'anno scorso. L'anno scorso abbiamo avuto molte pere bronzate a causa del periodo di freddo durante la fioritura. Quest'anno avremo pere belle, lisce e verdi. Abbiamo un raccolto sano in termini di qualità e volume, quindi le prospettive sono buone per il momento".

Tuttavia, l'aumento dei costi rappresenta una grande sfida per i produttori, secondo Mark. "I prezzi del legno, delle casse, della protezione delle colture e del personale sono aumentati in modo generalizzato. Stiamo parlando di un aumento del 20%. Come settore, stiamo ancora una volta lavorando duramente per vedere se possiamo trasferire questi costi crescenti ai clienti al dettaglio. Questa è la grande sfida per il prossimo periodo".

Per maggiori informazioni:
Mark Vernooij
Urfruit
Marketing 45
6921 RE Duiven - Paesi Bassi
+31 (0)575 472 473
m.vernooij@urfruit.nl      
www.urfruit.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto