Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Joachim Stracke - fruit RETAIL consulting

"I rivenditori dovrebbero sfruttare meglio le drupacee e dare maggiore impulso, soprattutto al segmento premium"

Sul mercato tedesco, troppo spesso il prezzo prevale sull'apprezzamento del prodotto", osserva Joachim Stracke, consulente di gestione della fruit RETAIL consulting. Perché la situazione cambi, secondo Stracke, è necessario, per così dire, "portare i consumatori con noi" e di conseguenza raccontare le storie che sono dietro i prodotti. "Capisco che non possiamo imporre i prezzi al consumo effettivamente richiesti ma, allo stesso tempo, sono evidenti anche le esigenze dei retailer in un contesto competitivo sempre più pesante".


Joachim Stracke (al centro con microfono) all'European Convenience Forum 2022

I prezzi, secondo Stracke, non sono stati ancora adeguati come avrebbero dovuto essere per coprire i costi e, di conseguenza, ricompensare i produttori. Tra le altre cose, Stracke critica il fatto che alcuni articoli di giornale che parlano dell’aumento dei prezzi mostrano foto di frutta e verdura, creando una falsa percezione. "Manca l'apprezzamento per la frutta e verdura. Dopo tutto, c'è molto lavoro dietro dei commercianti, dei produttori, dei raccoglitori, fra gli altri".

Molte origini delle drupacee
Per pesche, nettarine e albicocche, Spagna e Italia restano i principali Paesi di origine. Tuttavia, considerate le condizioni meteo locali, a volte avverse, e per potersi assicurare le forniture, il commercio al dettaglio rimane aperto a molte altre origini. Stracke dice: "I rivenditori si stanno collocando sui mercati in modo sempre più ampio, perché devono monitorare costantemente eventuali intoppi logistici e carenze di raccolto".

Allo stesso tempo, la strategia del commerciante è quella di stipulare contratti lunghi. "Per ora va bene, soprattutto perché garantisce anche una certa affidabilità, sia per i commercianti che per i produttori. Tuttavia, a causa delle circostanze generali, questo sistema si sta indebolendo. Inoltre, c'è anche la questione di chi alla fine terrà traccia di queste lunghe filiere: se devo controllare un produttore, posso farlo, ma se collaboro con quattro o fino a sei produttori, diventa più difficile".

È necessario promuovere la formazione nel retail alimentare
In generale, Stracke vede che nella vendita al dettaglio di generi alimentari non c'è solo una lotta sui prezzi delle drupacee, ma anche una sostanziale mancanza di competenza. "Per me, l'obiettivo è aumentare il consumo di frutta e verdura. Ma per riuscire a raggiungerlo, è necessario sviluppare ulteriormente le competenze dei dipendenti nel settore del retail". In qualità di docente per il settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari, Stracke sa come trasmettere le necessarie conoscenze, ma anche perché si verificano queste carenze.

Tra gli altri, considera la tempistica e il contatto diretto con il cliente fattori importanti in tal senso. Stracke dice: "Perché non abbiamo un apprendistato come venditore di frutta e verdura, come accade ad esempio nelle macellerie o nei panifici? Un apprendistato significherebbe un chiaro apprezzamento e il riconoscimento della gamma di frutta e verdura ma, soprattutto, del ruolo dei dipendenti nel commercio".

Accesso alle merci estere in aumento
"Ma nell’ambito della vendita al dettaglio di generi alimentari, manca il coraggio di offrire prodotti davvero costosi. Un chilogrammo di nettarine a volte viene venduto a 1,59 euro, mentre i consumatori sono disposti a pagare l'equivalente fino a 10,22 euro per 1 kg di chips", dice Stracke. "Ovviamente, a parte le ciliegie, in Germania non abbiamo le condizioni climatiche per garantire l'approvvigionamento di altre drupacee. Tuttavia credo che, nel lungo periodo, ci sia il pericolo che il commercio possa ripiegare sempre più spesso su merci economiche provenienti dall'estero". Stracke si riferisce a prodotti come i mirtilli, che vengono importati da Serbia, Romania e Paesi Bassi.

"Nel caso delle ciliegie, vedo Paesi di origine come Spagna, Turchia, Grecia, ma anche Germania, ognuno con prezzi che vanno dai 3,49 ai 3,99 euro/kg. Allo stesso tempo, ho sentito di un mercato a Francoforte che ha osato offrire un chilogrammo di ciliegie tedesche a 19,99 euro".


Ruben Zahlmann (Edeka Minden-Hannover) e Joachim Stracke (a destra) all'European Convenience Forum 2022

"I retailer devono saper creare degli stimoli"
Le drupacee, soprattutto nettarine, albicocche, pesche e ciliegie sono ancora tipici frutti estivi, anche se sono disponibili piccole quantità da oltreoceano nei mesi invernali. "Pertanto, sono molto sorpreso dal fatto che questi forti articoli estivi non vengano collocati in modo più impulsivo in molti mercati. I rivenditori dovrebbero sfruttare ancora meglio il potenziale delle drupacee ed essere più attenti a stimolare i mercati e le vendite", afferma Stracke.

La pesca come 'l’esotico' del segmento delle drupacee
"Continua la tendenza a lungo termine a passare dalla pesca classica alla nettarina dalla buccia liscia. Già tre o quattro anni fa dicevo che la pesca classica stava diventando l’’esotico’ tra la gamma delle drupacee. I volumi di pesche piatte, che sono naturalmente anche molto guidati dai prezzi, sono praticamente esplosi, anche se in alcuni casi la produzione è già diminuita per la difficoltà a vendere grandi volumi", afferma Stracke. "In alcuni discount, ho visto che hanno il coraggio non solo di offrire albicocche a buon mercato, ma anche vassoi da 350 grammi di qualità superiore. Questi non solo hanno un bell'aspetto, ma hanno anche un ottimo sapore. A questo punto, il discount a volte è anche più coraggioso del supermercato".

Drupacee al punto vendita
Le ciliegie venivano vendute quasi esclusivamente sfuse, mentre ora vengono commercializzate anche in sacchetti, secondo Stracke. "Ma trovo anche molto interessante che le ciliegie siano vendute su grandi vassoi di esposizione. Con pesche, albicocche e nettarine, vedo molte confezioni da 1 chilogrammo o 500 grammi. Naturalmente, questa tendenza è anche dettata dal prezzo. La frutta di piccolo calibro viene spesso offerta in confezioni da 500 grammi, mentre viene venduta sempre meno frutta sfusa e di calibro grande. attualmente vedo molte più drupacee offerte in forma confezionata che sfuse e non imballate", conclude Stracke.

Per maggiori informazioni:
Joachim Stracke
fruit RETAIL consulting
Am Schieferstollen 17
57399 Kirchhundem - Germania
+49 151 12 62 78 92
kontakt@stracke-consulting.de  
stracke-consulting.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto