Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fino al 50 per cento

A Valencia la campagna agrumicola 2021/22 si è conclusa con un calo dei prezzi all'origine

Il rapporto sui prezzi degli agrumi del Consolato della Lonja de València per la stagione 2021/22, pubblicato nei giorni scorsi dalla Camera di Commercio, mostra il forte crollo dei prezzi all'origine degli agrumi che si è verificato in questa stagione nella Comunità Valenciana.

Questa flessione, che per alcune varietà arriva fino al 50% rispetto alla campagna precedente, è dovuta al calo dei consumi in Europa o alla concorrenza di frutti di altre origini; tuttavia, non giustifica il fatto che i produttori siano stati pagati meno di 0,10 euro/kg, pari alla metà dei costi di produzione. Cosa che, è bene ricordarlo, è vietata dalla Legge di Filiera.

I prezzi all'origine minimi e massimi dell'arancia Navelina sono passati da 2,2-3,6 euro per arroba (circa 12 chilogrammi) a soli 0,90-1,8 euro, secondo lo studio citato. Nel frattempo i prezzi delle arance Navel sono passati da 2,4-3,3 euro nel 2021 a 1,2-2,4 euro nel 2022. Anche il valore della Lane-late si è dimezzato, passando da 2,4-3,0 euro per arroba a 1,2-1,8 euro, e la varietà Powell ha perso il 45% del suo valore, passando da 2,4-3,6 euro per arroba a 1,5-2,4 euro.

I prezzi pagati agli agrumicoltori nei campi sono stati molto bassi e, nel caso degli agrumicoltori valenciani, i ricavi sono diminuiti del 30%, il che significa che rispetto alla campagna precedente c'è stato un calo di fatturato di quasi 400 milioni di euro in questa stagione.

Crollo nei prezzi dei mandarini
Le uniche varietà che sono rimaste stabili o sono addirittura andate meglio rispetto alla campagna precedente sono alcuni mandarini classici, come le clementine nelle loro diverse sottovarietà più diffuse: Oronules, Marisol e Clemenules. Tuttavia, i prezzi dei mandarini della seconda parte della campagna, come le Hernandine, sono diminuiti del 30% rispetto alla campagna precedente, attestandosi sui 2,7-3,3 euro per arroba.

Il crollo dei prezzi delle varietà protagoniste di questa seconda parte della campagna è impressionante. I Tango sono passati da 8,3-9,5 a 4,4-6,3 euro e i Nadorcott da 7,6-9,5 a 4,4-6,4 euro.

Siccome i prezzi delle arance per questa campagna sono inferiori ai costi di produzione, le organizzazioni agricole hanno chiesto all'Agenzia per l'Informazione e il Controllo degli Alimenti (AICA) di indagare se c'è stata una violazione della Legge di Filiera agroalimentare.

Fonte: levante-emv.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto