Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Jesús Abenza, amministratore delegato di Alimer:

"Tra dieci giorni, la fornitura di angurie migliorerà e prevediamo prezzi al consumo più abbordabili"

La campagna spagnola delle angurie è stata caratterizzata da gravi problemi di approvvigionamento da quando è iniziata la raccolta ad Almeria, e durante le prime settimane di raccolta nei campi di Murcia. Questa settimana i volumi inizieranno a recuperare e si prevede che, entro la metà di luglio, saranno più in linea con quelli di una normale campagna.

"Questa primavera, quando a Murcia avevamo già piantato circa il 20% dell’area di coltivazione dell’anguria, abbiamo avuto un periodo di forti piogge che è durato diverse settimane. Ciò ha influito sul normale ciclo delle piante e ha fermato la fase del trapianto", afferma Jesus Abenza, amministratore delegato della cooperativa Alimer. "I trapianti sono proseguiti piuttosto tardi, ed è per questo che finora non ci sono stati volumi, mentre avremmo dovuto lavorare con grandi quantità già da due o tre settimane", dice Abenza.

In effetti, i coltivatori e i commerciali passeranno dall'avere una fornitura molto limitata di anguria ad avere volumi più consistenti. "Inizieremo a recuperare questa settimana e, fortunatamente, comincerà ad arrivare un prodotto di ottima qualità, poiché da quando sono cessate le piogge, il meteo è stato l’ideale per la crescita dell'anguria, cioè caldo e secco. Tra circa 10 giorni, passeremo da un mercato relativamente vuoto a produzioni che dovrebbero ammontare a circa l'80% dei volumi abituali in una normale campagna", afferma il direttore di Alimer.

Il forte calo dell'offerta, gli alti costi di produzione e l'elevata domanda hanno portato i prezzi di vendita a raggiungere livelli molto elevati dall'inizio della stagione. Secondo Jesus Abenza, "le angurie sono un prodotto di consumo di massa, e finora i prezzi sono stati troppo alti rispetto ai livelli abituali. Presto l'offerta si normalizzerà e speriamo che i prezzi al consumo diventino più abbordabili ma, allo stesso tempo, accettabili per i produttori, così come per gli altri operatori della filiera. Siamo fiduciosi che il bel tempo continuerà a trainare la domanda".

"Negli ultimi anni, il consumo di frutta e verdura è cresciuto e dobbiamo essere consapevoli che, se vogliamo che continui a crescere, i prezzi al consumo devono essere abbordabili. Sfortunatamente, ci sono stati alti e bassi sul mercato di questi prodotti, e questo non va bene per il consumo. Così come non va bene quando i prezzi scendono troppo, non va bene nemmeno quando aumentano troppo, o ci sono interruzioni nella fornitura. Ma il meteo sembra essere sempre più instabile e questo, oltre ai costi alle stelle, sembra essere una delle maggiori minacce per il settore, quando si tratta di pianificare le campagne", afferma Jesús Abenza.

Per maggiori informazioni:
Jesús Abenza
Alimer S.Coop.
Camino de Villaespesa, s/n. Lorca, Spagna
+34 968 460 812
j.abenza@alimer.es
www.alimer.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto