Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le esportazioni di banane dell'Ecuador riprenderanno, dopo la fine delle proteste che hanno paralizzato il Paese

L'industria bananicola dell'Ecuador che è prossima al crollo, dopo 18 giorni di proteste da parte delle popolazioni indigene, è impaziente di riprendere le sue attività, evadere arretrati per oltre 1.000 container e continuare con le esportazioni. Questo dopo che il governo ha finalmente raggiunto un accordo con la comunità indigena in protesta, per abbassare i prezzi del carburante e soddisfare le altre loro richieste.

Secondo Richard Salazar, direttore esecutivo dell'Ecuador Banana Marketing and Export Association (Acorbanec), se le proteste fossero continuate ancora per molto, l'industria delle banane si sarebbe trovata sull'orlo del baratro. "Siamo felici che il dialogo tra il governo e la comunità indigena abbia risolto il problema ma, purtroppo, il Paese ha già avuto delle perdite. Stiamo ancora valutando quelle nel nostro settore. Stimiamo ad oggi circa 20 milioni di dollari persi a causa dell'impossibilità di esportare, ma dobbiamo ancora quantificare proprietà, automezzi, fra gli altri. Non abbiamo licenziato nessuno, ma il normale svolgimento delle attività è stato influenzato dagli scioperi".

"Due settimane fa, le interruzioni e la chiusura delle strade hanno impedito ai fornitori dei settori di produzione ed esportazione di banane di fornire normalmente i loro prodotti e servizi. Quasi il 38% non ha potuto svolgere il suo lavoro. I lavoratori agricoli sono stati anche limitati perché non hanno potuto recarsi sul posto di lavoro, circa il 18%, pregiudicando il taglio e l'imballaggio delle banane".

"Diversi tagli di banane programmati per l'esportazione non sono stati effettuati a causa dei suddetti motivi. Molti dei container con banane sono stati bloccati sulle autostrade e quelli che sono riusciti a passare sono arrivati in ritardo ai porti, e le navi erano già salpate. Hanno dovuto collegarsi ai terminal portuali per spedirli la settimana successiva, ma questo ha provocato due situazioni di violazione dei contratti con clienti stranieri e le spese per il settore dell'esportazione in termini di collegamento, fra le altre conseguenze".

"In breve, due settimane fa circa 1.000 container di banane non hanno potuto essere esportati. la scorsa settimana ci sono state ancora delle chiusure delle strade che hanno influito sul normale svolgimento delle attività, non con l'intensità della settimana precedente, ma comunque hanno avuto delle conseguenze per il settore bananicolo", spiega Salazar.

I rapporti stimano delle perdite per il settore bananicolo dell'Ecuador di 37 milioni di dollari. La Confederazione delle nazionalità indigene dell'Ecuador (Conaie) che ha guidato le proteste a livello nazionale da lunedì 13 giugno, ha affermato che anche se gli scioperi sono finiti, verificherà se il governo rispetterà l'accordo.

Almeno un centinaio di persone sono state arrestate, quattro sono morte con oltre 120 agenti di polizia feriti a seguito delle proteste, secondo il governo. Le diffuse proteste hanno costretto alla chiusura delle strade nelle principali aree di produzione ed esportazione di banane nelle province di Los Rios, Cotopaxi (La Mana), Guayas ed El Oro.

Per maggiori informazioni:
Richard Salazar
Acorbanec
+593 9 89857025
rsalazar@acorbanec.com 
www.acorbanec.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto