Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il Brasile stima un aumento dell'8 per cento dei volumi delle esportazioni di mango

Il Brasile stima un aumento dell'8% dei volumi d’esportazione di mango, nonostante le sfide logistiche per portare in tempo la frutta ai mercati d’esportazione. Sebbene il Paese sia un fornitore di mango per tutto l'anno, la maggior parte delle forniture è appena iniziata e durerà fino quasi alla fine dell'anno.

L'anno scorso, il Brasile ha esportato 272.000 tonnellate di mango, che hanno generato circa 250 milioni di dollari.

Secondo Jorge de Souza, responsabile tecnico e di progetto presso l'Associazione dei coltivatori e degli esportatori di frutta brasiliani (ABRAFRUTAS), la stagione dovrebbe essere molto positiva e senza grandi problemi di produzione. "Ci aspettiamo un raccolto molto buono. Nella prima metà dell'anno, abbiamo avuto qualche pioggia inattesa, ma non ha influito sui mango. In generale, la nostra stima è di raccogliere circa 30 tonnellate per ettaro. Non ci sono grandi problemi in termini di produzione. La seconda metà dell'anno è dedicata alla raccolta e all’esportazione della maggior parte del nostro raccolto del mango".

Circa il 90% della produzione totale di mango del Brasile si trova nell'area nord-orientale di Petrolina e Juazeiro, con un fiume a dividere le due aree. "Queste due grandi regioni di produzione di mango non presentano problemi", afferma de Souza.

"L'unica preoccupazione che abbiamo riguarda le sfide logistiche. Persiste una carenza di container e navi. Le cose sono piuttosto complicate nella spedizione in termini di costi, che sono molto alti rispetto a prima. Questo non è un problema del Brasile o del mango, è un problema mondiale. Siamo ottimisti. La domanda non sembra essere un grande problema. Nel secondo semestre, sui nostri mercati di esportazione, i manghi saranno richiesti. La sfida sarà rendere possibili le spedizioni", spiega de Souza.

Souza dice che bisogna aspettare e vedere, con la speranza che la crisi globale delle spedizioni marittime si risolva presto. "In una prospettiva a breve termine, non ci sono grandi margini di miglioramento per quanto riguarda la congestione dei porti. Il nostro mercato più importante per i manghi è l'Ue. Fondamentalmente il 70% viene esportato attraverso il porto di Rotterdam, con il 30% verso altri porti, come Spagna e Regno Unito. Spediamo anche manghi negli Stati Uniti, con volumi minori anche in Corea del Sud e Medio Oriente. I nostri esportatori sono positivi. Stanno cercando di capire come spedire i manghi. Il problema è il prezzo, potremmo organizzare le spedizioni, ma i prezzi rimarrebbero alti".

"Purtroppo i clienti non sono disposti a pagare prezzi più alti. I consumatori finali avvertono il tasso d’inflazione più alto in tutto il mondo. Tutti sono molto preoccupati per ciò che accadrà all'economia globale", ha concluso de Souza.

Per maggiori informazioni:
Jorge de Souza
Abrafrutas
+55 38999 628450
George.souza@frutasdobrazil.org  
www.abrafrutas.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto