Il sondaggio annuale dell'IRU

La carenza di autisti continua ad aumentare: percentuali allarmanti in tutto il mondo

Analizzando più di 1.500 operatori del trasporto commerciale su strada in 25 Paesi delle Americhe, dell'Asia e dell'Europa, l'International Road Transport Union-IRU ha rilevato che, nel 2021, la carenza di autisti di camion è aumentata in tutte le regioni, ad eccezione dell'Eurasia.

In Europa, è aumentata del 42% dal 2020 al 2021, con posizioni di driver aperte e vacanti che hanno raggiunto un numero di 71.000 in Romania, 80.000 sia in Polonia che in Germania, e 100.000 nel Regno Unito. In Messico, è aumentata del 30% fino a raggiungere un totale di 54.000, in Cina del 140%, raggiungendo 1,8 milioni posizioni aperte e non occupate. Gli stipendi più elevati dei driver nel 2021, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, non hanno prodotto i risultati attesi.

Il segretario generale dell'IRU Umberto de Pretto ha dichiarato: "La carenza cronica di autisti di veicoli industriali si sta aggravando, con milioni di posizioni che rimangono vacanti. Ciò mette le economie e le comunità già stressate a un rischio maggiore di inflazione, problemi di mobilità sociale e tracollo della catena di fornitura".

Guardando al 2022, mentre in Argentina e Cina le aziende prevedono dei seppur minimi miglioramenti, nella maggior parte delle regioni gli operatori si aspettano che la carenza di driver continui ad aumentare: Turchia del 15%, Messico del 32% ed Eurasia ed Europa del 40%.

Nel trasporto passeggeri, nel 2021, in Europa il 7% degli autisti di autobus e pullman era vacante. Gli operatori si aspettano che nel 2022 si raggiunga l'8% nei Paesi esaminati.

Ancora poche donne driver
In tutte le regioni, meno del 3% degli autisti di camion erano donne nel 2021, a eccezione della Cina con il 5% e Stati Uniti con una percentuale di donne dell'8%. La percentuale di donne autiste di autobus e pullman in Europa è stato anche migliore, con il 12%. Tuttavia, queste percentuali sono ancora molto al di sotto di quelle stabilite dalla normativa nel settore del trasporto su strada, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, dove rispettivamente il 22% e il 28% di tutti i lavoratori dei trasporti sono donne.

Minoranza di giovani autisti
Nella maggior parte delle regioni, i giovani driver sotto i 25 anni sono rimasti una piccola minoranza, pari al 6 o 7% della popolazione degli autisti di camion. Di contro, ci sono tra le due e le cinque volte più driver di età superiore ai 55 anni in tutte le regioni, ad eccezione di Cina e Messico. Negli Stati Uniti e in Europa, gli autisti più anziani costituiscono circa un terzo della forza lavoro. L'Europa ha l'età media più alta, 47 anni.

L'allargamento del divario di età è ancora più evidente nel settore del trasporto passeggeri. In Europa, solo il 3% degli autisti di autobus e pullman aveva meno di 25 anni nel 2021, la metà del settore dei trasporti in generale. I driver di età superiore ai 55 anni, invece, rappresentavano il 32% della forza lavoro, con un'età media dei conducenti di 50 anni.

Secondo gli operatori del trasporto su strada, l'attuale carenza di autisti è causata dalla mancanza di driver qualificati in tutte le aree, ad eccezione di Cina e Turchia, che hanno fatto riferimento rispettivamente delle condizioni dei conducenti e dell'immagine della professione come le cause principali.

"Gli operatori del trasporto su strada stanno facendo la loro parte, ma i governi e le autorità devono continuare a occuparsene, soprattutto migliorando le infrastrutture dei parcheggi, l'accesso alla formazione e per incoraggiare più donne e giovani a intraprendere questa professione", ha concluso il segretario generale dell'IRU, Umberto de Pretto.

Per maggiori informazioni:
John Kidd
IRU
Tel.: +41 79 386 9544
Email: dd@iru.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto