Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Rapporto BLE, settimana 23 del 2022

Le prime pesche e nettarine francesi hanno completato l'offerta sui mercati tedeschi

Sui mercati tedeschi, le dominanti consegne spagnole di nettarine e pesche si sono ampliate. I lotti italiani sono seguiti per importanza ma, nel complesso, hanno giocato solo un ruolo minore. Le prime forniture francesi hanno completato gli eventi e hanno conquistato il primo posto in termini di prezzo, a 4 euro/kg ad Amburgo. Secondo il rapporto BLE, finora le importazioni turche hanno raggiunto esclusivamente il mercato di Francoforte. In generale, la domanda non è riuscita a stare al passo con la maggiore offerta. Le tariffe sono state notevolmente superiori rispetto agli anni precedenti.

Le eccedenze non hanno potuto essere evitate, quindi i commercianti hanno abbassato i prezzi precedenti, su tutta la linea, ma questo non ha sempre migliorato le vendite. Le azioni e una qualità piuttosto incostante, a volte, hanno causato un'ampia gamma di quotazioni. Sono stati interessati principalmente i frutti a polpa gialla. Prime consegne greche in arrivo.

Fragole
Le offerte locali hanno dominato la scena, quelle polacche, olandesi e belghe hanno completato la gamma con quantitativi molto ridotti. Dopo il weekend di Pentecoste, non si è potuta evitare una certa saturazione della clientela, e in alcuni luoghi le possibilità di allocazione sono rimaste indietro rispetto alla disponibilità.

Mele
L'offerta europea è stata limitata: soprattutto le Elstar e Jonagored locali hanno perso importanza, ma anche le Braeburn e Pink Lady italiane, così come della Jazz francese è risultata limitata. L'interesse per i prodotti alternativi non è stato particolarmente vivace. Nell'area delle nuove offerte, la disponibilità è ovviamente aumentata.

Pere
L'offerta è stata alquanto limitata. Le importazioni sudafricane hanno impostato il tono, soprattutto con le Packham`s Triumph, Abate Fetel e Forelle. Flamingo ha cessato l'attività. Dal Cile sono arrivate soprattutto Abate Fetel e Forelle. Le Red Williams Christ hanno interpretato solo un piccolo ruolo.

Uva da tavola
I lotti italiani ora sembrerebbero dominare i mercati: la presenza di Black Magic e Victoria ovviamente si è ampliata. Ciò ha avuto un impatto diretto sui prezzi, che sono scesi su tutta la linea. La crescita dei prodotti europei ha causato un notevole calo dell'interesse per la produzione d'oltreoceano.

Albicocche
Hanno dominato le consegne spagnole, seguite in quantità quasi uguali da quelle italiane e francesi. Inoltre, ci sono state importazioni turche, soprattutto a Monaco, dove sono arrivate anche le prime Lillycot greche. A Francoforte è stata disponibile la prima frutta locale: i clienti hanno dovuto pagare 24 euro per cassa da 5 kg.

Ciliegie
L'assortimento si è ampliato perché le forniture da Spagna, Grecia, Turchia, Germania e Italia sono cresciute notevolmente. La frutta francese, piuttosto costosa, ha completato l'offerta, con quantità limitate. In generale, la domanda raramente è riuscita a stare al passo con la maggiore offerta.

Limoni
Le spedizioni spagnole sono state leggermente limitate, ma hanno caratterizzato continuamente la scena. Gli Eureka sudafricani e argentini non hanno soddisfatto in termini di qualità e guadagnato quote di mercato sempre più importanti.

Banane
In generale, l'offerta è stata sufficientemente adeguata alle opzioni di posizionamento. La domanda è stata soddisfatta senza grandi sforzi. Tuttavia, i prezzi sono cambiati in alcune piazze, anche se solo su piccola scala.

Cavolfiore
La produzione nazionale ha dominato ed è stata disponibile localmente, in regime di monopolio. I prodotti belgi e olandesi sono stati al massimo supplementari. La domanda non è stata particolarmente forte e ha potuto essere facilmente soddisfatta.

Lattuga
La lattuga è arrivata in parti quasi uguali da Germania e Belgio. La lattuga iceberg è arrivata principalmente dalla Germania, e successivamente dai Paesi Bassi. Nel caso delle lattughe colorate si è avuto accesso principalmente alle offerte domestiche. Nel complesso, il commercio è stato abbastanza tranquillo.

Cetrioli
I cetrioli domestici hanno dominato il mercato, con consegne olandesi e belghe a completare l’offerta. La qualità è stata generalmente convincente. Tuttavia, la maggior parte dei prezzi ha registrato una tendenza al ribasso, a causa di una domanda insufficiente da parte dei clienti, un'offerta eccessivamente abbondante e delle promozioni da parte dei rivenditori di generi alimentari.

Pomodori
I pomodori a grappolo hanno ovviamente dominato e sono arrivati principalmente dai Paesi Bassi e dal Belgio. Questi due Paesi hanno dato anche il tono ai pomodori rotondi e ai pomodori ciliegino. Le consegne da Germania, Italia, Spagna, Francia e Polonia sono state al massimo di natura supplementare.

Peperoni
Come in precedenza, le spedizioni olandesi hanno dominato. La Turchia ha fornito solo peperoni verdi e rossi. I lotti belgi hanno completato l'azione, mentre i nazionali e gli spagnoli l'hanno completata con quantità molto limitate. Il commercio è stato generalmente lento.

Asparago
Ovviamente hanno dominato le offerte locali. Nel settore dell'asparago bianco si sono registrate anche importazioni dalla Polonia e nel segmento dell'asparago viola, le consegne greche. Per quanto concerne gli asparagi verdi, i prodotti italiani, ungheresi e polacchi hanno completato l'assortimento. I prezzi spesso sono risultati in aumento.

Fonte: BLE


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto