Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Partita in leggero ritardo la raccolta del finocchio nell'Agro nocerino-sarnese

"Quest'anno abbiamo avuto una primavera insolitamente fredda, che ha destato qualche preoccupazione iniziale per la coltivazione dei finocchi nell'Agro nocerino-sarnese: il ciclo produttivo della varietà cosiddetta 'super precoce', perché impiega circa 70 giorni per giungere a maturazione, è in leggero ritardo, ma, dopo i primi volumi non proprio adeguati in termini di qualità, adesso la raccolta sta proseguendo con grande soddisfazione. Anche quest'anno, infatti, questo tipo di finocchio si contraddistingue per la sua speciale tenerezza, legata alla giovinezza della pianta". Così Gennaro Paolillo, che, insieme ai fratelli Ciro e Mariapia, è socio fondatore dell'azienda campana Paolillo, specializzata in finocchio.


Raccolta finocchi nell'Agro nocerino-sarnese (Foto fornita da Gennaro Paolillo)

"La raccolta andrà avanti ancora per qualche settimana, terminando all'incirca il 15 giugno. Ci sposteremo poi ad Avezzano, per l'inizio della raccolta in Abruzzo. Dal punto di vista produttivo, i primi 5 mesi dell'anno sono stati vissuti con un grande pathos e, al contempo, sono risultati molto soddisfacenti: abbiamo avuto, come azienda, la fortuna di disporre di giusti quantitativi, con un'elevata qualità del prodotto, nel momento in cui i finocchi mancavano sul mercato", continua Gennaro.

Parlando di areali di approvvigionamento nel periodo invernale, la Calabria è risultata la Regione che ha mostrato la maggiore qualità, quest'anno. "A sorpresa, considerando che le ultime campagne non erano andate benissimo. E' stata una stagione calabrese iniziata da subito con grande soddisfazione sul prodotto, ed è terminata altrettanto bene. A favorire la coltivazione è stato il clima adeguato, con freddo mai eccessivo e piogge giuste, che hanno contribuito alla crescita della pianta".


A sinistra: campo di finocchi nell'Agro nocerino-sarnese. A destra: raccolta in atto (Foto fornite da Gennaro Paolillo)

"Non si può dire lo stesso della Puglia: per tutto il periodo produttivo ha registrato condizioni meteo avverse e gli areali erano già stati condizionati dalla siccità della scorsa estate, che non ha consentito un'adeguata aratura dei terreni. Bene la fornitura di prodotto dal Metapontino", continua Gennaro.

Commercializzazione
"Dall'inizio del 2022 fino al periodo di Pasqua, l'andamento commerciale del finocchio è stato abbastanza sostenuto. Con quantità inferiori di prodotto in campagna, i prezzi hanno raggiunto livelli molto elevati", dichiara Ciro Paolillo, responsabile della lavorazione e della vendita. "Non si era mai registrata una quotazione così alta, anche sul lungo periodo".


Finocchio (Foto fornita da Gennaro Paolillo) 

"Nell'ultimo mese, abbiamo registrato ulteriori rincari delle materie prime e, a detta dei mercati, c'è un consumo inferiore dell'ortofrutta in generale, finocchio compreso, per via del potere d'acquisto in calo. Di conseguenza, con la richiesta in diminuzione, anche i prezzi hanno teso al ribasso - continua Ciro - Al momento, sul mercato è disponibile prodotto dell'area di Verona, Rimini e il prodotto locale campano. A conti fatti, i volumi totali sono inferiori a un mese fa. Eppure c'è un momento non proprio positivo".

Per quanto riguarda i nuovi progetti aziendali, Ciro racconta che è stato fatto un passo indietro. "Avevamo introdotto degli imballaggi premium, su cui però abbiamo registrato un forte incremento di prezzo. Perciò, attualmente, sono sospesi dalla produzione, per contenere i costi e non appesantire ancora di più la spesa del consumatore finale. Possiamo dire di aver acceso le quattro frecce, in attesa che i prezzi delle materie prime ritrovino un equilibrio".

"Tra venti giorni, comunque, partiremo con una sperimentazione per la bollinatura automatica sul finocchio. Cerchiamo di non rimanere proprio fermi: non sarebbe nelle nostre corde".


Raccolta finocchi nell'Agro nocerino-sarnese (Foto fornita da Gennaro Paolillo)

Progetto di cosmesi Foen
Mariapia Paolillo da anni porta avanti anche il progetto Foen, una linea cosmetica a base di estratto di finocchio. "Lo scorso anno abbiamo ampliato la gamma. Ad oggi annoveriamo 7 referenze: 5 per la linea viso e 2 per la linea corpo. L'intera linea di prodotti cosmetici è formulata con estratti vegetali naturali e le formule sono dermatologicamente testate, per il benessere di tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili. I prodotti non contengono parabeni, siliconi e paraffina e non sono testati sugli animali".


Linea Foen (Foto fornita da Mariapia Paolillo)

"Grazie al progetto Foen, abbiamo la possibilità di parlare del finocchio e delle sue proprietà, anche in contesti diversi dal settore ortofrutticolo - dice Mariapia - La presenza a Casa Sanremo, a Pharmaexpo e a una sfilata di moda sono solo alcuni esempi di quanto, attraverso la linea di cosmesi, si è cercato di valorizzare questo ortaggio".

Per maggiori informazioni:
Paolillo s.r.l.
Via Stabia, 254
80057 - Napoli
Tel.: +39 393 9361160
Fax: +39 081 8738791
Web: www.paolillosrl.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto