Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Francois Dillman – Noordgrens Landgoed

Picco più tardivo e piatto per il pompelmo sudafricano

In Sudafrica, la campagna del pompelmo è attualmente nelle sue settimane di picco di fornitura e, a causa delle interruzioni dovute al clima e all'attento monitoraggio e rapporto settimanale dei dati di confezionamento delle tre principali aree di coltivazione, il picco del 2022 non solo risulta tardivo, ma anche sostanzialmente più piatto rispetto alle precedenti stagioni.

Quest'anno, attraverso una campagna lanciata tra i coltivatori di pompelmi di Letsitele, Hoedspruit e Onderberg, che insieme producono quasi il 75% dei pompelmi del Sudafrica, i volumi vengono monitorati da vicino nel loro confezionamento settimanale. Ogni settimana infatti, vengono raccolti consolidati e condivisi i dati relativi a tutti gli impianti di confezionamento, per migliorare il processo decisionale, non solo per prolungare la stagione dei pompelmi, ma anche per gestire la pressione che tradizionalmente si accumula nel porto di Durban in questo periodo.

"In questa fase sembra funzionare bene, un aspetto positivo in una stagione altrimenti molto difficile", afferma Francois Dillman che coltiva pompelmi e arance Valencia sulle rive del fiume Limpopo, al confine con lo Zimbabwe.


Dall’inizio dell’anno le esportazioni di pompelmi sono in calo del 33%
Dall’inizio dell’anno, le esportazioni di pompelmi di classe 1 e 2 sono diminuite del 33%, in gran parte a causa della gestione dei volumi di confezionamento, ma anche per il fatto che pezzature e specifiche faticano a trovare livelli di prezzo commercialmente validi.

"Si continua a imballare cinque giorni a settimana, 200 tonnellate al giorno passano dall’impianto di confezionamento, ma solo il 40% ora esce nei cartoni, invece del solito 70%", afferma Francois. "La frutta che valeva la pena esportare negli ultimi due anni, a causa soprattutto delle tariffe di spedizione estremamente elevate, quest'anno non ha più senso esportarla".

Il leitmotiv della campagna di quest'anno è dove non inviare il pompelmo.

La Russia era l'unico mercato per i pompelmi grandi (pezzature 28, 32). Ora questi agrumi rimangono per la maggior parte sul mercato domestico per la spremitura, mentre i nuovi lockdown in Cina sono arrivati ​​in un periodo estremamente sfavorevole nel calendario dei pompelmi sudafricani.

Il mercato cinese del pompelmo è un "disastro"
"In questa fase, il confezionamento dei pompelmi per la Cina si è fermato. Ci sono pompelmi sudafricani sul mercato cinese, ma si muovono molto lentamente. Penso che il mercato del pompelmo rimarrà inattivo fino a quando non sarà revocato il lockdown. È un duro colpo per le nostre esportazioni di pompelmi. Speriamo che i lockdown in Cina vengano revocati presto ".

Francois definisce l'attuale mercato cinese dei pompelmi un disastro. "La stagione del pompelmo è breve e in questa fase anche incostante: non è detto che il mercato possa riaprire, per cui sei ti va bene se non hai fatto spedizioni. Quest'anno è davvero una scommessa", osserva Francois.

Pompelmi ispezionati per l'esportazione nel porto di Durban

In Europa il mercato del pompelmo è stabile, anche se debole, ma almeno è aperto.

Gli acquirenti giapponesi di pompelmi hanno noleggiato una nave convenzionale carica di pompelmi Marsh e Star Ruby (e limoni) che ha lasciato Durban la scorsa settimana.

La Corea del Sud ha perso la sua importanza come mercato del pompelmo poiché le intercettazioni di cocciniglia sono aumentate negli ultimi anni, da quando le autorità sudafricane sono subentrati nelle ispezioni alle loro controparti sudcoreane.

Per maggiori informazioni:
Francois Dillman
Noordgrens Landgoed
francois@noordgrens.co.za


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto