Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sondaggio dell'Osservatorio E.Leclerc

"Quasi sette francesi su dieci ammettono di non acquistare frutta e verdura perché troppo costose"

Secondo un sondaggio condotto da Ipsos per l'Osservatorio sui nuovi consumi di E.Leclerc, il 96% dei francesi ha la percezione dell'aumento del costo della spesa domestica per alimenti e bevande. A causa dell'inflazione, il 70% dei francesi ammette di aver evitato di acquistare determinati prodotti. Alla fine, l'accesso al cibo di qualità è compromesso per oltre l'80% della popolazione, soprattutto perché frutta e verdura sono troppo costose.

Il 71% dei francesi ammette di aver evitato alcuni prodotti per limitare l'impatto dell'inflazione
Il potere d'acquisto rimane una delle principali preoccupazioni dei francesi. Data l'attuale inflazione, il 77% dei francesi ha ammesso che il suo potere d'acquisto si è ridotto. Ciò è particolarmente vero per le persone di età pari o superiore a 60 anni (l'83% di loro ha fatto questa osservazione). Sebbene l'inflazione si faccia sentire su molti beni di consumo, l'impatto maggiore è sulle spese quotidiane essenziali. Quasi tutti i consumatori francesi (96%) hanno notato l'effetto dell'inflazione sulla spesa. Il 90% dei francesi ha notato l'impatto dell'aumento dei costi del gas e dell'elettricità sul proprio potere d'acquisto.

Come diretta conseguenza di una situazione economica segnata dall'impennata dei prezzi di alimenti, gas e materie prime, molti consumatori francesi hanno cambiato le loro abitudini di consumo. Il 71% afferma di aver evitato di acquistare determinati prodotti per limitare l'impatto dell'aumento dei prezzi. Le popolazioni più vulnerabili sono le prime a risentire di queste limitazioni: il 78% delle persone con meno di 35 anni, il 79% dei lavoratori e dipendenti e l'83% delle famiglie a basso reddito, hanno dovuto ridurre la spesa domestica.

Il 70% dei francesi ammette di non aver acquistato frutta e verdura fresche perché troppo costose
Il tempo libero (66%) e l'abbigliamento (64%) sono le prime spese a essere sacrificate dai francesi, ma ridurre la spesa per molti di loro è anche un modo per risparmiare. Il 58% è stato costretto a limitare le spese alimentari, a causa dell'aumento dei prezzi. Un’analisi più approfondita sui prodotti interessati da questo risparmio, rivela che il 46% dei francesi ha ridotto il consumo di carne e pesce e il 38% quello di frutta e verdura fresche.

Le famiglie francesi spendono in media 29,5 euro a settimana per l’ortofrutta fresca. Tuttavia, il 69% dei francesi afferma di fare regolarmente a meno di frutta e verdura perché troppo costose. L'81% delle famiglie a basso reddito e il 68% delle persone sotto i 35 anni, scelgono regolarmente di non acquistare frutta e verdura perché non possono permettersele, e integrano con altri prodotti alimentari.

Questa limitazione è particolarmente evidente nelle famiglie in difficoltà finanziarie. Più del 90% dei francesi consuma frutta e verdura fresche almeno una volta alla settimana, ma le famiglie più indigenti ne consumano meno: il 42% di loro spende meno di 10 euro a settimana in frutta e verdura fresche, mentre il 24% della popolazione francese spende la stessa cifra.

L'85% dei francesi pensa che il cibo di qualità sia costoso
In generale, per ridurre il costo della spesa domestica, i consumatori francesi hanno già adottato diverse strategie. Il 36% acquista prodotti più economici, il 23% acquista piccole quantità e il 20% consuma meno frutta e verdura. Un altro dato eclatante è che il 23% dei consumatori più giovani afferma di chiedere aiuto per il cibo e il 12% afferma di utilizzare i banchi alimentari (contro il 3% di tutta la popolazione).

Tra i francesi che hanno dovuto smettere di acquistare determinati prodotti alimentari, l'87% si rammarica dell'impatto negativo sulla qualità della propria alimentazione, nonché sulla propria salute e su quella dei propri figli (66%). Queste limitazioni hanno conseguenze sulla qualità dell’alimentazione. Per la maggior parte dei francesi, una dieta di qualità deve essere equilibrata (48%), varia (39%) e ricca di frutta e verdura (30%). Ma sebbene il 74% delle persone ritenga di seguire un’alimentazione equilibrata di qualità, l'85% pensa che il cibo di qualità sia troppo costoso. Questa sensazione è fortemente correlata al livello di reddito e alla categoria professionale di appartenenza. Solo il 63% degli operai e il 56% delle famiglie a basso reddito pensa di seguire un’alimentazione di qualità, rispetto all'84% dei dirigenti e all'83% delle famiglie ad alto reddito.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto