La Polonia perde tre milioni di raccoglitori di funghi a causa della guerra

La Polonia, che è il più grande produttore di funghi in Europa e il terzo al mondo, ha perso circa tre milioni di raccoglitori ucraini a causa della guerra in corso con la Russia. Kyrstian Szudyga, presidente dell'Associazione polacca dei funghi, spiega che nel settore lavoravano soprattutto le donne ucraine, che però ora sono tornate a casa perché i loro mariti combattono per il loro Paese.

La Polonia produce 300mila tonnellate di funghi in Europa, rispetto alle 62.000 tonnellate prodotte in Irlanda. Secondo Szudyga, nell'ultimo anno sono aumentati massicciamente anche i costi di produzione del prodotto, dal momento che i costi di energia, manodopera, imballaggio e trasporto sono raddoppiati e, in alcuni casi, triplicati.

Tuttavia, il futuro dell'industria dei funghi in Polonia è ancora roseo. "Grazie alle condizioni climatiche e alle materie prime, come paglia di buona qualità e letame di pollo proveniente dalla grande industria di pollame, abbiamo grandi rese". La Germania è il principale mercato di esportazione della Polonia, seguita da vicino dall'Inghilterra.

"Alcuni anni fa esportavamo molti funghi in Russia, ma a causa della prima sanzione dopo l'invasione della Crimea nel 2014, la Russia ha attuato una controsanzione incentrata su vari prodotti, compresi i funghi. Abbiamo quindi dovuto trovare un nuovo mercato, ed è per questo che ci siamo spostati sul mercato inglese", ha dichiarato.

Fonte: farmersjournal.ie


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto