Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cina: ad aprile il traffico delle merci nei porti marittimi è diminuito del 2,8%

Lo scorso mese il traffico delle merci movimentato dai porti cinesi ha segnato una diminuzione del 3,7% sull'aprile 2021, che risulta essere il dato percentuale negativo più elevato dal febbraio 2020 quando i volumi erano calati del 9,0% e quando la Cina stava affrontando (per quanto se ne sa, è indispensabile precisare) la fase più acuta della pandemia di Covid-19 sul proprio territorio che aveva comportato la necessità di fermare le attività economiche e sociali sia a Wuhan, epicentro della crisi sanitaria, sia in altre aree del paese.

Anche sul dato di aprile 2022 pesano gli effetti della nuova ondata pandemica in Cina, con il porto di Shanghai, città che è uno degli principali focolai e dove il lockdown è stato particolarmente rigoroso, che in questo mese ha registrato una riduzione del 27,1% del traffico delle merci.

Complessivamente lo scorso mese i porti cinesi hanno movimentato 1,27 miliardi di tonnellate di carichi rispetto a 1,32 miliardi nell'aprile 2021. Nei soli porti marittimi il traffico è stato di 826,4 milioni di tonnellate (-2,8%), mentre gli inland port hanno movimentato 447,7 milioni di tonnellate di merci (-5,4%). Relativamente al solo traffico internazionale delle merci, ad aprile 2022 i porti cinesi ne hanno movimentato complessivamente un totale pari a 380,0 milioni di tonnellate (-2,6%), di cui 341,1 milioni di tonnellate passate attraverso gli scali marittimi (-2,0%) e 38,9 milioni di tonnellate attraverso i porti interni (-8,1%).

Lo scorso mese il più consistente volume di carichi con l'estero è stato movimentato dal porto di Ningbo-Zhoushan con 51,4 milioni di tonnellate (+7,3%) seguito dai porti di Qingdao con 39,6 milioni di tonnellate (+1,2%), Shanghai con 27,5 milioni di tonnellate (-18,0%), Tianjin con 27,0 milioni di tonnellate (+9,7%), Rizhao con 26,1 milioni di tonnellate (-10,0%), Tangshan con 20,8 milioni di tonnellate (+1,8%) e Shenzhen con 18,7 milioni di tonnellate (+4,2%).

Fonte: Informare


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto