Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cosa Duci

Cresce il commercio online di agrumi e marmellate a filiera corta

"Abbiamo dato inizio al nostro percorso di crescita aziendale quasi per gioco. Con il tempo, però, si è fatta sempre più forte l’idea di concretizzare il nostro sogno di produrre e commercializzare agrumi sia in Italia sia all’estero, dove c'è un pubblico innamorato della nostra terra e dei suoi frutti". Così Giuseppe e Orazio Prezzavento alla guida dell’omonima azienda agricola produttrice di agrumi, commercializzati sia come fresco sia sotto forma di trasformati a marchio Cosa Duci.

Cosa Duci è un termine dialettale utilizzato per identificare tutti quegli alimenti che ci portano ai cosiddetti "peccati di gola". Il marchio, nato in Sicilia alle pendici dell'Etna, ci proietta quindi in un mondo genuino, legato ai sapori della tradizione agrumaria siciliana.

“Abbiamo appena concluso la campagna del fresco con discreti risultati commerciali - spiega Giuseppe Prezzavento - anche se poteva andare meglio. Purtroppo gli eventi climatici estremi di questa particolare campagna commerciale hanno pesato non poco sulle rese e sulla pezzatura dei frutti. Nei nostri 12 ettari coltiviamo arance Tarocco, Navel e Mandarino Tardivo di Ciaculli che destiniamo sia al mercato del fresco sia alla trasformazione in marmellate nei gusti: arancia rossa, arancia amara e mandarino. Trasformano solo ciò che produciamo nei nostri terreni con tecniche artigianali, quindi pochi ingredienti: solo frutta 100% e minime quantità di zucchero di canna”.

“Tra i punti di forza dell’azienda, l’attenzione all’ambiente e alla gestione agricola sostenibile. - sottolinea Giuseppe Prezzavento - In tempi di repentini cambiamenti climatici e di rincaro delle materie prime, l'agricoltura non può prescindere da un razionale consumo delle risorse. In tale direzione, abbiamo messo a punto un impianto di subirrigazione, soluzione che ci permette un maggiore sfruttamento razionale delle risorse idriche; in più, ottimizza le tecniche della fertirrigazione. In questo modo, l’acqua e i nutrienti raggiungono immediatamente l’apparato radicale della pianta, senza evaporazioni né dispersioni".

"La produzione di trasformati è scaturita dal desiderio di offrire agrumi oltre la loro naturale stagionalità, sensibilizzando il consumatore alla cultura del cibo sano, una filosofia che è calzante con la nostra impostazione etica con cui coltiviamo i frutti nelle terre di Cosa Duci. La nostra marmellata è naturale, non contiene pectina aggiunta, se non quella naturale presente nella buccia del frutto. Per arrivare alla giusta densità e ai gradi brix desiderati, estraiamo molta acqua dal frutto, penalizzando la resa con il risultato di un prodotto dolcificato con zucchero di canna in minime quantità, in cui si sente il gusto persistente della frutta".

L'azienda è certificata e associata al Consorzio di tutela Arancia Rossa di Sicilia, pertanto conferisce parte della produzione di agrumi al consorzio. Altro canale di elezione è la vendita online.

"Con la pandemia - conclude Giuseppe Prezzavento - e le conseguenti restrizioni agli spostamenti, il commercio online è cresciuto molto. La caratteristica principale del consumatore che acquista frutta nelle piattaforme online è la ricerca di proposte commerciali a filiera corta che, di fatto, portano a un duplice risultato: una maggiore remunerazione alla produzione e una garanzia di qualità, freschezza e genuinità. Tra gli altri aspetti trainanti di questa scelta ci sono: entrare in contatto con i produttori e i loro metodi di lavoro in campagna, conoscere la stagionalità delle produzioni e ottenere un prezzo finale al consumo trasparente e più economico per chi acquista".

Per maggiori informazioni:
Cosa Duci
Impresa Agricola di Prezzavento Giuseppe M.
Strada Provinciale, 77 – Contrada Agnelleria
95047 Paternò (CT)
+39 320 222 7970
+39 095 622939
info@cosaduci.it
www.cosaduci.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto