Hannes de Waal – Sundays River Producer Forum

I costi di spedizione superano decisamente quelli di produzione per le aziende agrumicole del Capo Orientale

Nella Sundays River Valley si sono perse oltre due settimane di raccolta e confezionamento, ma da qualche giorno i lavoratori stanno raccogliendo i limoni, le Nova, alcune clementine e le prime Navel del Capo Orientale.

Le minacce hanno tenuto lontani gli agrumicoltori e due persone sono rimaste uccise, una durante un attacco a un'azienda agricola all'inizio dello sciopero, e l'altra durante una protesta.

Hannes de Waal, amministratore delegato della Sunday River Valley Citrus Company (SRCC) e presidente dell'associazione degli agrumicoltori, afferma che i lavoratori dicono di essere sollevati di poter tornare al lavoro e che nessuno ha mai chiesto loro se sostenevano lo sciopero illegale. Il Sundays River Valley Producer Forum è ancora in trattativa con la South African National Civic Organisation (SANCO), ma non sul salario minimo nazionale. Su questo punto il Forum è stato chiaro.

"SANCO non è un comitato di lavoratori ma rappresenta parte della comunità. Non possiamo non impegnarci con loro", dice Hannes. "Abbiamo un'ottima squadra e continueremo a mantenere un confronto. C'è sempre un modo per chiedere 'come possiamo aiutarvi?', e rendere tutti partecipi della soluzione. Questo è sempre stato il nostro approccio".

Hannes sottolinea che, dallo sciopero del 2018 e dai tentativi di coinvolgere il governo e la comunità, il rapporto con il comune è migliorato. Durante il recente sciopero, il sindaco del comune di Sundays River Valley è stato molto costruttivo e ha sostenuto il ruolo svolto dall'industria agrumicola, il principale datore di lavoro della regione.

"L'industria degli agrumi ha registrato un'enorme crescita in quest'area, e continuerà a svilupparsi ulteriormente. Ci sono ancora molte opportunità di lavoro", osserva Hannes.

Giovane agrumeto a Kirkwood

Nessuna concessione sull’aumento del salario minimo
"Riconosciamo che il Sudafrica ha profondi problemi socio-economici e che rappresentiamo l'unica grande industria, quindi è ovvio che siamo noi l'obiettivo. Non ci sono garanzie. Il nostro potenziale di sciopero della manodopera è alto, come in qualsiasi altra parte del Paese, e quando accade, lo affrontiamo. Quello che non faremo è cedere alla proverbiale pistola puntata alla testa, perché il danno [ora stimato fino a 16,5 milioni di euro] è assolutamente inaccettabile, così come lo è stato lo scorso anno nella provincia di KwaZulu-Natal".

Hannes continua: "Semplicemente non c'è margine per aumentare ulteriormente gli stipendi, che sono generalmente ben al di sopra del salario minimo fissato. La maggior parte di chi lavora qui riceve un salario decisamente al di sopra del minimo".

Le lamentele riguardanti l'impiego di lavoratori stranieri (per lo più provenienti da Zimbabwe e Lesotho) sembrano aver perso importanza nella trattativa, secondo Hannes, ma il Sundays River Producers Forum esorta vivamente i membri a privilegiare la manodopera locale.

Nonostante i recenti eventi - e Hannes dice che non hanno motivo di credere che i lavoratori agricoli e degli impianti d’imballaggio siano coinvolti nelle indagini della polizia sui casi di incendio doloso e distruzione di proprietà - continuano il loro impegno per la comunità.

"Abbiamo una lunga esperienza nell'aiutare la comunità, e continueremo ad impegnarci".


Costi di spedizione due volte e mezzo superiori a quelli di produzione
Nel frattempo, ogni settimana di vendita persa è costata loro, si stima, 100 milioni di rand (5,9 milioni di euro), mentre il costo della logistica in questo momenti supera il costo dell'agricoltura reale.

"Attualmente i costi di spedizione ci tagliano fuori dal mercato. Sono due volte e mezzo i nostri costi di produzione. E questo è una grande piaga per il settore. Un altro grande problema sono i costi di input: fra gli altri, i costi dei fertilizzanti sono alle stelle".

L'anno scorso hanno trasportato su strada al porto di Durban dal 12 al 15% della loro frutta, dove di solito sarebbe arrivato meno del 3%. Quest'anno, data l'attuale rotazione delle spedizioni, la previsione è che saranno costretti a trasportare nuovamente su strada dal 10 al 15% del loro raccolto nella provincia di KwaZulu-Natal.

"Speriamo che questa situazione cambi nel tempo perché semplicemente non è conveniente, soprattutto per i grandi produttori".

Se dovessero aumentare la loro struttura dei costi con un aumento del salario minimo, potrebbero velocizzare anche di più la fine della loro attività, secondo Hannes.

"La mia previsione è che, viste le condizioni attuali, tra il 40 e il 60% dei produttori agrumicoli sudafricani non potrà raggiungere il pareggio. Questa è la mia stima, e il motivo sono i costi di spedizione".

Hannes aggiunge che, ad eccezione degli Stati Uniti, i prodotti ortofrutticoli non stanno beneficiando dell'inflazione dei prezzi come, ad esempio, i beni elettronici di consumo che hanno seguito la curva inflazionistica.

Per maggiori informazioni:
Hannes de Waal
Sundays River Citrus Producers Forum


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto