Analisi delle tendenze nel settore dell'uva da tavola

Varietà ad alta resa/aroma. Effetto dell'inflazione. Preservare la qualità delle uve da tavola. Questi sono solo alcuni degli argomenti emersi durante il Grape Quality Summit del 6 maggio scorso, ospitato da Hazel Technologies.

Anne-Marie Roerink della 210 Analytics LLC, aprendo il summit con una presentazione sulla performance dell'uva da tavola nel settore retail degli Stati Uniti, nell'ultimo anno, ha fatto notare che rispetto al 2019, prima dell'inizio della pandemia, le vendite di frutta e verdura andavano molto bene. "L'uva da tavola è il terzo frutto più venduto e un motore economico a sé stante con un fatturato di 3,6 miliardi di dollari, pari a un aumento del 6,9% rispetto all'anno precedente", ha detto Roerink, la quale tuttavia osserva che, mentre i profitti in dollari sono aumentati di quasi oltre il 7% rispetto all'anno precedente, le unità e i volumi dell’uva da tavola sono diminuiti del 2,8 e del 2,6%.

"Le persone acquistano uva da tavola all'incirca lo stesso numero di volte, circa 10 volte all'anno. Spendono di più per viaggiare, e questo è legato all'inflazione", ha dichiarato Roerink, aggiungendo che, in totale, le persone spendono anche di più per acquirente, rispetto allo scorso anno. "Ma ciò che è cambiato è il numero di famiglie che nell'ultimo anno ha acquistato uva da tavola nella vendita al dettaglio, un dato in calo dello 0,4%".

Roerink ha aggiunto che, analizzando i profitti rispetto ai volumi, si nota una domanda decisamente alta di uva da tavola durante il primo anno della pandemia. "Ma i prezzi erano bassi. Quindi, anche se abbiamo venduto molte più tonnellate, non siamo riusciti stare al passo con i profitti del retail", afferma Roerink. Tuttavia, nel 2021, c’è stata un'inversione di tendenza e il rafforzamento del Dollaro è stato più evidente, anche se il volume è diminuito. "L'inflazione sta davvero iniziando a colpire l'uva da tavola e questo ha a che fare con la pressione a cui stiamo assistendo anche in termini di unità e volumi".

Calo delle promozioni
Inoltre, Roerink ha sottolineato che nell'ultimo anno ci sono state meno promozioni. "Questo è importante perché l'uva da tavola è sempre stata una categoria altamente promossa", afferma Roerink. "Le libbre totali vendute nell’ambito di una promozione si attestano sul 35% per la frutta in generale, e quasi il 50% per l'uva da tavola. Se si confronta con il periodo pre-pandemico, questa percentuale è scesa del 19%, rispetto a circa il 60% durante gli anni normali. Queste promozioni e la visibilità che ha l'uva da tavola, favoriscono il coinvolgimento della famiglia nell'acquisto", ha detto Roerink.

Durante il forum, si è discusso anche di varietà e Roerink ha fatto notato che Flame/Ruby/Emperatriz e Perlette/Thompson rappresentano quasi il 30% delle vendite. Queste varietà, insieme alla Core verde senza semi, Core rossa senza semi, Cotton Candy e al mix fresco, rappresentano quasi il 60% delle vendite. Tuttavia, per alcune delle varietà più piccole, le percentuali di crescita in dollari raggiungono la doppia cifra.

Sul prezzo per libbra, le varietà più vendute, Flame/Ruby, hanno in media un prezzo per libbra di 2,10 dollari. "A differenza della Cotton Candy che costa 4,27 dollari. Quindi devi vendere molte meno libbre di Cotton Candy per ottenere gli stessi profitti", ha affermato Roerink, sottolineando che i consumatori sono entusiasti di avere nuove varietà di uva da tavola sul mercato.

Anche i prodotti biologici stanno registrando una crescita significativa e Roerink ha menzionato che il 6,4% del totale in dollari sono uve da tavola biologiche, una percentuale in aumento del 4,6%, rispetto al 2020. "Non è solo inflazione: stiamo assistendo a una crescita superiore alla media per dollari, unità e volumi della produzione bio".

Opportunità di vendita dell'uva da tavola
In termini di vendite, la gastronomia registra una crescita sensazionale. "Le uve da tavola possono svolgere un ruolo importante perché sono complementari a carne e formaggi, ma anche per il loro colore", ha detto Roerink. "Vediamo anche il ritorno degli snack on-the-go e dei negozi convenience. Quindi ci sono ancora molte opportunità di crescita per l'uva da tavola".

Successivamente, un panel di esperti dell'uva da tavola ha esaminato gli sviluppi attuali della viticoltura. Luis Katsurayama, direttore operativo e responsabile della sicurezza alimentare della Jasmine Vineyard, afferma che sta lavorando per un aumento del salario minimo e la settimana lavorativa di 40 ore. "Questi due obiettivi stanno impegnando molto il settore, nel tentativo di capire come applicare questi cambiamenti nel contesto lavorativo della California", ha affermato Katsurayama.

In senso orario da sinistra in alto: Luis Katsurayama, Pat Flynn e Nico Tomicic.

Questo riguarda anche le varietà coltivate. "Penso che le varietà a bassa resa a cui siamo abituati (Flames, Thompson) scompariranno dai supermercati. Questo contesto economico ci sta costringendo a escludere le varietà a bassa resa, indipendentemente dal fatto che siano o meno ancora popolari. Come produttori, sono fuori dalla nostra portata economica. Dobbiamo concentrarci sulle varietà ad alta resa o su quelle più vendute", ha continuato Katsurayama.

Problemi della filiera
Lo stato della filiera continua a preoccupare anche i coltivatori. "La logistica è sempre complicata. Non prevediamo un miglioramento quest'estate. Quindi stiamo cercando di capire come fornire i prodotti ai Paesi e l’aviotrasporto, che è finora l’unica opzione, limitata la nostra portata economica", ha spiegato Katsurayama.

Nel frattempo, il direttore dello sviluppo aziendale - agtech di Hazel Technologies, Nico Tomicic, ha osservato che il settore è in continua evoluzione in California. "Insieme alle rese, la qualità sarà uno dei fattori più importanti per i coltivatori. Credo che i coltivatori esperti saranno in grado di esportare all'estero e per loro sarà un ottimo mercato". Tomicic fa anche notare che alcuni coltivatori utilizzano il prodotto di Hazel Technologies perché la qualità dei frutti consente di mantenere il mercato tardivo dal Cile, anche per l’uva da tavola.

Mario Cervantes, direttore dello sviluppo aziendale - agtech di Hazel Technologies, ha parlato dei trial incentrati sulla tecnologia post-raccolta - qui sull'uva da tavola Autumn Royal.

Guardando al futuro della stagione californiana, Katsurayama ha dichiarato che l'anno scorso è stato un anno di rese insolitamente basse per i coltivatori dello Stato. "Quest'anno è diverso. Pensiamo che le rese saranno molto più alte". E ha ripreso la considerazione fatta da Tomicic secondo cui, dato che ci sarà molta uva da tavola sul mercato, sarà la qualità a determinare il successo di un produttore.

Allo stesso tempo, la California continua a guardare alle innovazioni per aiutare la sua produzione, come i prodotti di Hazel Tech, per garantire la qualità ma anche la meccanizzazione. "Questa sarà la chiave per il futuro dei produttori californiani, considerato il contesto imprenditoriale", ha affermato Katsurayama. "La manodopera sta diventando scarsa e molto costosa, quindi stiamo cercando delle opzioni per stare al passo con il settore. Ma stiamo anche investendo nel capitale umano: avremo bisogno di manodopera qualificata, quindi ora stiamo lavorando con la nostra manodopera per far sì che si adeguino alle nuove tecnologie".

Per maggiori informazioni:
Hazel Technologies, Inc.
media@hazeltechnologies.com  
www.hazeltechnologies.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto