Hans-Jörg Friedrich, Ceo Pfalzmarkt:

"Si può fare affidamento sulla produzione ortofrutticola del Palatinato"

Pfalzmarkt eG mantiene la rotta nonostante le difficoltà del momento, dimostrando che si può fare affidamento sulla produzione ortofrutticola del Palatinato. Da diversi anni, la domanda di lattuga è in calo, ma questo prodotto non scomparirà del tutto dai mercati tedeschi, secondo Hans-Jörg Friedrich, amministratore delegato della Pfalzmarkt. All'inizio della nuova stagione degli ortaggi, Friedrich ha parlato con noi, tra gli altri argomenti, dell'importanza delle cooperative di produttori, dei nuovi prodotti della gamma della Pfalzmarkt e delle sfide attuali del settore.


Hans-Jörg Friedrich: "La quota del biologico della Pfalzmarkt è compresa tra il 3 e il 4% e per il momento non aumenterà, poiché attualmente la conversione alla produzione biologica è finanziariamente difficile per alcuni coltivatori".

Tempi difficili per le verdure a mazzo
"La lattuga conserverà la sua importanza ma non è più il prodotto di massa di prima, poiché le lattughe pick-and-place e quelle colorate da un po' di tempo si dividono il mercato", afferma Friedrich.

Tuttavia, c'è sicuramente il rischio che i prodotti a mazzo ad alta intensità di manodopera, come carote, cipollotti e ravanelli, possano sempre più sparire dai mercati, secondo Friedrich. "Non sarà possibile continuare a coltivarli, se dovremo corrispondere un salario minimo di 12 euro. Il prezzo dei ravanelli, ad esempio, dovrebbe aumentare talmente tanto che i consumatori probabilmente non vorranno più acquistarli. In questa situazione, potremmo raccogliere questi prodotti meccanicamente e convincere i venditori a commercializzarli senza fogliame. I cipollotti potrebbero essere venduti sfusi".

Kiwi più resistenti al gelo
Oltre alle puntarelle e ai broccoli Bimi, il mercato del Palatino si occupa anche della coltivazione idroponica, ovvero della produzione di lattughe a radice, per le quali dallo scorso anno è disponibile anche una serra. "Abbiamo dovuto adattare il metodo di coltivazione della lattuga tricolore nella produzione su larga scala, poiché le lattughe verdi crescono più facilmente di quelle rosse nel gruppo di tre", afferma Friedrich.

Ma la cooperativa di coltivatori continua a crescere anche nel settore frutticolo: "Con l'aumento delle temperature, in futuro rivolgeremo la nostra attenzione anche alla coltivazione del kiwi, tra gli altri, nel Palatinato, il cosiddetto orto della Germania. Stiamo lavorando anche su varietà più resistenti al gelo. Anche le vendite di edamame, la soia in baccello, sono iniziate bene. Per i vegani in particolare, questo prodotto è un buon sostituto della carne".

Maggiore richiesta di serre
Friedrich prevede che la coltivazione in serra aumenterà in Germania: "Sentiamo e leggiamo che sono in programma sempre più serre. Dopo il successo dei trial nel settore della coltivazione idroponica, da due anni lavoriamo anche alla pianificazione di un ampliamento delle serre. A questo proposito, si cercano in particolare siti geotermici perché la questione energetica è la cosa più importante in questo momento".

Nel nuovo spazio commerciale della Pfalzmarkt, si passerà anche al fotovoltaico, che garantirà l'autosufficienza e, di conseguenza, non richiederà più l'elettricità dall'esterno. "Quello di cui si parla ovunque in questo momento è l'agrofotovoltaico. Ma per questo bisognerebbe piantare una zona boschiva in mezzo ai seminativi, che difficilmente prenderà piede perché è semplicemente troppo costoso. Tuttavia, alcuni frutticoltori stanno valutando la possibilità di utilizzare gli alberi da frutto, che fornirebbe anche una buona protezione dalla grandine", afferma Friedrich. "L'unica cosa che è ancora oggetto di un'intensa ricerca è la misura in cui l'ombreggiatura degli alberi dall'alto influenzerà la maturazione della mela e, soprattutto, la sua colorazione".

Importanza delle cooperative
"Nel complesso, le cooperative di produttori detengono una quota di circa il 34% in Germania. Ciò significa che circa un terzo dei prodotti è distribuito da cooperative, mentre la rimanente parte arriva dai coltivatori indipendenti", afferma Friedrich. "Come cooperativa di produttori, possiamo sollevare i produttori da una serie di compiti in modo che possano occuparsi solo della loro produzione. La quantità di documentazione richiesta oggi, soprattutto nell’ambito del controllo qualità, è enorme. La funzione di accentramento delle cooperative è oggi pertanto particolarmente importante".

Per maggiori informazioni:
Hans-Jörg Friedrich
Pfalzmarkt für Obst und Gemüse eG
Neustadter Str. 100
67112 Mutterstadt - Germania
info@pfalzmarkt.de 
www.pfalzmarkt.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto