Il Perù si prepara a esportare in Europa oltre mille tonnellate di pitaya peruviana di varietà American Beauty

Entro novembre di quest'anno il Perù prevede di iniziare a esportare in Europa oltre 1.000 tonnellate di pitaya della varietà American Beauty attraverso il Terra Project. La pitaya sarà inviata ai mercati di Spagna, Francia e Italia.

Il direttore generale di R Coorp e fondatore del progetto, Diego Rodriguez, ha dichiarato che questa prima esportazione sarà effettuata dopo che alla fine del 2021 e all'inizio di quest'anno sono stati piantati i primi 100 ettari di pitaya, nell'ambito della prima fase del progetto. La seconda fase prevede l'impianto di altri 100 ettari di pitaya entro la fine di quest'anno.

"In questa prima tranche di esportazione stimiamo che il valore del prodotto sarà compreso tra i 4 e gli 8 dollari/kg", ha dichiarato Diego Rodriguez.

Acquirenti dagli Stati Uniti e dalla Cina hanno già mostrato interesse per la pitaya peruviana. Tuttavia, il grande limite è che l'autorizzazione del rispettivo protocollo sanitario per entrambi i Paesi è ancora in corso.

Per quanto riguarda l'ingresso della pitaya peruviana negli Stati Uniti, a gennaio di quest'anno il direttore della sottodirezione di quarantena vegetale del Servizio sanitario agrario nazionale del Perù (Senasa), Julio Vivas, ha dichiarato che l'autorità sanitaria statunitense aveva terminato l'analisi d'irrigazione dei parassiti, e che si stavano negoziando i requisiti fitosanitari, che avrebbero poi portato al processo normativo in cui saranno pubblicati i requisiti di esportazione.

Altri Paesi che hanno richiesto la pitaya peruviana - ma che mancano di un protocollo sanitario per importarla - sono Israele, Ecuador, Messico e Colombia.

Fonte: Gestión.pe / agraria.pe


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto