Il produttore e commerciante Ulrich parla dell'attuale mercato dei funghi

I Cardoncelli tedeschi beneficiano del cambio nelle abitudini alimentari

Al momento, il commercio di funghi coltivati sta attraversando un periodo turbolento. E' quanto riporta il produttore e commerciante bavarese Franz Ulrich. "A Pasqua le vendite sono state più o meno simili al periodo pre-pandemico. Dopo le vacanze, però, nel settore al dettaglio si è registrato un crollo". In generale, commercio e volumi sono difficili da calcolare ora come ora, secondo l'operatore.

L'unica eccezione al momento è il Cardoncello. "Il consumo si sta sviluppando fortemente nella direzione dei sostituti della carne e delle diete vegane - continua Ulrich - Mentre i restanti funghi esotici rimangono piuttosto stabili in termini di vendite, i Cardoncelli hanno sperimentato una forte crescita, soprattutto negli ultimi due anni. Questo fungo esotico sembra beneficiare del cambiamento delle abitudini alimentari". Circa un quinto dei funghi Cardoncelli proviene dalla coltivazione propria dell'azienda, la parte restante viene acquistata da altre aziende tedesche.


Franz Ulrich presso la sua postazione all'ingrosso

Nel frattempo il consumo dei tradizionali Orecchioni sta mostrando un leggero calo. "Tuttavia, stiamo ancora parlando del terzo fungo coltivato più venduto in Germania. Il consumo di funghi, d'altra parte, sembra stabilizzarsi, con gli Champignon bianchi che perdono importanza a favore dei bruni. Dal lato della domanda, quella proveniente dal settore della ristorazione sta aumentando rapidamente, con l'attuale aumento delle temperature esterne, mentre la vendita al dettaglio tende a essere più debole", dice Ulrich, che gestisce anche uno stand di funghi al mercato Gärtnerhalle di Monaco.

Urge un altro aumento dei prezzi
Anche l'industria dei funghi sta affrontando gli attuali aumenti dei costi. "Recentemente siamo riusciti a realizzare un leggero aumento di prezzo di 0,10 euro/kg, che era imperativo anche in vista dei costi aggiuntivi a livello della produzione. Tuttavia, questo non si avvicina nemmeno a quanto avremmo voluto. Ciò significa che avremmo bisogno di un altro aumento di prezzo nel corso dell'anno per poter coprire i nostri costi, anche solo per quanto riguarda l'aumento dei salari minimi", dice Ulrich.


Gli Champignon bruni sono di tendenza / Foto: Mushrooms Ulrich

Si temono colli di bottiglia con i funghi selvatici
Oltre a commercializzare funghi coltivati in proprio, in estate l'azienda si dedica anche alla vendita di quelli selvatici. Secondo Ulrich, ci si deve aspettare una campagna impegnativa anche in questo segmento. "All'inizio della stagione possiamo ancora ripiegare sulla merce proveniente dalla regione dei Balcani e dalla Bulgaria. Da fine giugno/inizio luglio, invece, ci affidiamo normalmente a prodotti provenienti dalla Bielorussia e ai Gallinacci russi di Kaluga. Alla luce dell'attuale crisi ucraina, la questione chiave sarà se e in quali quantità riceveremo prodotti dall'Est. L'unica fonte alternativa durante la seconda metà della stagione sarebbe la Lituania, anche se la qualità del prodotto, in questo caso, è incomparabile con i Gallinacci di Kaluga".

Per maggiori informazioni:
Franz Ulrich
Ulrich GmbH
Burgstaller Straße 27
85283 Wolnzach - Germania
+49 08442 92670
ulrich-wolnzach@t-online.de 
pilze-ulrich.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto