Gli esportatori israeliani hanno difficoltà a spedire i loro prodotti in Russia e Ucraina

Gli esportatori israeliani riescono ancora a inviare alcuni prodotti in Russia e Ucraina, ma devono affrontare gravi difficoltà logistiche, senza la certezza del pagamento. La Russia è un mercato importante per le esportazioni israeliane ma, come il resto del mondo, sono alla disperata ricerca di mercati alternativi per prodotti come agrumi, avocado e carote.

Michael Amar, direttore marketing della Kibbutz Alumim, afferma: "È legale inviare cibo e medicine in quei Paesi perché le persone devono mangiare, quindi puoi vendere ed essere pagato per i prodotti. Ma, poiché la Russia ha molti problemi, abbiamo iniziato a inviare le carote ad altre destinazioni. Di solito spedivamo due o tre navi a settimana in Russia, ora è una sola nave. Inviamo ancora prodotti in Ucraina, ma non lo stesso volume di prima. Stiamo valutando mercati alternativi come Inghilterra, Polonia e altri Paesi della regione".

"Finora i nostri mercati di riferimento includevano Stati Uniti, Europa, Regno Unito, Polonia e Irlanda, ma il volume più alto andava in Russia. Questa settimana nessuna nave destinata alla Russia ha attraccato qui in Israele, quindi non abbiamo potuto inviare alcun prodotto e non sappiamo quando arriverà la prossima nave. Il pagamento è un altro problema, perché sia ​​l'oligarchia che le banche di proprietà del governo non possono trasferire denaro attraverso il sistema Swift. I pagamenti devono essere inviati attraverso le poche banche ancora autorizzate. Tutto è diventato più difficile, i volumi delle esportazioni sono in calo, ma possiamo continuare", ha spiegato Amar.

Un altro esportatore ha dichiarato: "Il porto ucraino di Odessa è chiuso, ma siamo ancora in grado di esportare una gamma di prodotti in Russia, tra cui frutta, verdura, agrumi, avocado e carote. Abbiamo anche grossi problemi logistici, ma finché sarà possibile, continueremo ad esportare in Russia. Ovviamente, il forte aumento dei costi di spedizione significa che, in Russia, anche i prezzi dei prodotti stanno aumentando".

Il responsabile di un'altra società d’esportazione, con sede in Israele, ha detto che sebbene siano ancora in grado di esportare in Russia, il mercato non è stabile. "Ufficialmente non è vietato esportare in Russia. Esportiamo principalmente sedano, carote e peperoni alle catene di vendita al dettaglio. L'instabilità nella regione ha creato però dei rischi finanziari. Siamo in grado di ricevere i pagamenti, ma non sono del tutto assicurati perché le compagnie assicurative non supportano il commercio con la Russia".

"Il mercato ora è in grado di assorbire solo circa il 50% del volume originariamente previsto. Anche la logistica è problematica, perché non tutti i porti sono pienamente operativi. Alcune compagnie di navigazione hanno una frequenza ridotta verso i porti russi e non esiste una programmazione regolare. I problemi finanziari hanno incluso il rapido deprezzamento del Rublo all'inizio della guerra, sebbene recentemente si sia ripreso. I nostri prezzi sono in dollari, quindi il prezzo al dettaglio dei nostri prodotti in Russia è aumentato e, di conseguenza, la domanda è diminuita del 50%. Le esportazioni continuano ma, sia i tempi che le quantità, sono irregolari e imprevedibili. Nessuno sa davvero cosa accadrà il giorno dopo".

"In Russia la domanda c'è e sono disposti a ricevere i prodotti che per qualche motivo non possono essere venduti in altri mercati. A volte è meglio vendere, anche se ci sono molte restrizioni. La situazione è complicata e per niente salutare. Abbiamo mercati alternativi per gli altri nostri prodotti, ma se non possiamo vendere le nostre carote e peperoni, la nostra unica scelta sarà buttarli via", ha concluso l'esportatore.

Per maggiori informazioni:
Michael Amar
Kibbutz Alumim 
+972 54779 2842 
michaela@alu.org.il
www.carrots.co.il


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto