È possibile ottenere l'indipendenza energetica in Francia?

Avviare una produzione di kiwi rossi in Francia significa aspettare sei anni prima di ottenere il primo raccolto. I frutteti di questa nuova varietà faticano a entrare in produzione. Tuttavia, uno dei principali operatori del settore agroalimentare, il gruppo Peruzzo, con sede a Châteaurenard (Bouches-du-Rhône), dispone di una soluzione ecologica che potrebbe adattarsi a diverse colture e contribuire a ottenere l'indipendenza da frutta ed energia. Un progetto di grande attualità. Sylvain Colleville, responsabile sviluppo e produzione del gruppo Peruzzo, ce ne parla.

Il gruppo Peruzzo ha scoperto il kiwi rosso durante un viaggio, tre anni fa. Questa nuova varietà di kiwi, ricca di vitamina C e antiossidanti, è molto apprezzata dai consumatori per il gusto dolce dei suoi frutti. Da tre anni, il gruppo è impegnato a sviluppare le sue coltivazioni in Francia secondo un piano che, nel 2022, prevede una piantagione di 10 ettari di kiwi rossi e 13 ettari di kiwi gialli, seguiti da 8 ettari di kiwi rossi e 4 di kiwi gialli in serra fotovoltaica nel 2023. Peruzzo vorrebbe offrire agli agricoltori e ai nuovi produttori un progetto ecologico "chiavi in mano" che richieda pochissimi investimenti, con la possibilità di produrre in serre agrovoltaiche o sotto tende fotovoltaiche. Ma la soluzione fatica a realizzarsi.

"Abbiamo scoperto questo frutto dal sapore eccezionale e vogliamo svilupparne la produzione in Francia, ma ci scontriamo con le normative vigenti che rallentano notevolmente il processo 'chiavi in ​​mano' che vogliamo offrire ai produttori. Per i kiwi rossi e gialli occorrono almeno due anni per ottenere il permesso per costruire una serra, senza alcuna garanzia che si riesca a ottenerlo, e poi altri quattro anni fino al primo raccolto, quindi un totale di almeno sei anni, durante i quali il terreno non può essere utilizzato e non c'è reddito. Questo non è incoraggiante per i produttori".

"Anche i piani urbanistici locali e le politiche dei progetti pilota di ricollocazione stanno causando alcuni ritardi. Nel contesto attuale, è più importante concentrarsi sulla nostra indipendenza in termini di energia. Ne stanno discutendo i deputati europei, ma cosa sta succedendo sul campo? Abbiamo grandi difficoltà nel realizzare questi progetti. Abbiamo ricevuto richieste da parte di circa 50 produttori che vogliono piantare kiwi rossi e gialli e, finora, sono stati completati solo due progetti. E i ritardi hanno spaventato gli altri produttori", spiega Sylvain Colleville.

Se, per i frutticoltori, i costi d’investimento nelle strutture sono aumentati del 40%, andandosi ad aggiungere ai costi di fitosanitari per proteggere i frutti dagli agenti atmosferici, le soluzioni agrovoltaiche potrebbero essere la risposta a entrambi i problemi: una soluzione vantaggiosa sia per l'agricoltura che per lo sviluppo dell'energia verde.

Per l'agricoltura, le serre o le tende fotovoltaiche consentono:

  • l'impianto di nuove varietà di frutta in Francia (kiwi rosso, avocado…)
  • robusta protezione contro pioggia, gelo, grandine e vento, nonché una serena produzione per i frutti più fragili;
  • una riduzione dell'uso degli input;
  • la possibilità di raccogliere anche nei giorni di pioggia (ciliegie, albicocche…);
  • facilità di posizionamento di pali e tralicci;
  • costi di struttura e impianto finanziati in tutto o in parte dalla vendita di energia elettrica.

Per lo sviluppo dell'energia verde, i vantaggi sono molteplici:

  • costo di produzione per kWh inferiore al costo delle altre energie (nucleare, gas, carbone);
  • energie rinnovabili e non inquinanti;
  • facile connessione alla rete.

"Gli impianti fotovoltaici aiuterebbero a sviluppare in Francia nuove colture frutticole sostenibili e redditizie per i produttori, sfruttando al contempo i terreni agricoli per produrre molta energia verde. Nel contesto attuale, non considerare queste soluzioni mi sembra da irresponsabili. Le procedure per l'ottenimento delle concessioni edilizie e delle reti antigrandine devono essere semplificate. Vorrei che trovassimo una soluzione per non perdere questi due anni. Voglio presentare questa soluzione al Ministro dell'agricoltura francese Julien Denormandie", spiega Sylvain Colleville.

Contrariamente ai kiwi gialli, quelli rossi sono molto sensibili alla batteriosi e devono essere protetti dalla pioggia, il che rende ancora più interessante la loro produzione in serre fotovoltaiche.

Per maggiori informazioni:
Peruzzo
www.peruzzo-group.com


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto