Johann Graf (Bayerische Kartoffel Ltd) parla del settore dei tuberi bavaresi

"Abbiamo ancora patate regionali di ottima qualità"

Mentre gli asparagi tedeschi stanno già spuntando dai terreni, la raccolta delle patate novelle locali è ancora piuttosto lontana. Nonostante l'improvviso fronte freddo nella prima settimana di aprile, i tuberi sono in fase di crescita in Baviera e stanno maturando. Le prime patate primaticce confezionabili non saranno però disponibili fino alla fine di giugno.

"I nostri magazzini sono ben forniti, quindi possiamo ancora attingere a patate di ottima qualità della regione e non dobbiamo ricorrere a merci provenienti dall'estero", dice Johann Graf, amministratore delegato della Bayerische Kartoffel Ltd. Tenendo conto delle attuali scorte residue, le ultime patate del vecchio raccolto dovrebbero essere attese all'inizio o alla metà maggio al più tardi.


In qualità di amministratore delegato della Barischen Kartoffel Ltd, Johann Graf rappresenta gli agricoltori e i commercianti della Baviera.

Nel 2021 il raccolto bavarese ha registrato un calo rispetto all'anno precedente, con circa 1,65 milioni di patate. Per inciso, con circa 39.000 ettari coltivati, la Baviera è il secondo produttore in Germania. Ma la pandemia in corso, così come la guerra in Ucraina, sta influenzando anche il settore bavarese delle patate, secondo Graf. "Stiamo vedendo un po' di frustrazione tra gli agricoltori, perché ci sono stati aumenti di prezzo consistenti per il grano, mentre i prezzi contrattuali per le patate si sono indeboliti durante la crisi. In questo momento, ci sono leggeri aumenti di prezzo, ma non quanto per i cereali".

Diverse alternative alla coltivazione delle patate
Inoltre, sul lato della produzione la situazione si è rapidamente aggravata come conseguenza della guerra in Ucraina, secondo Graf. "I prezzi dei fertilizzanti azotati sono all'incirca quadruplicati. Questo significa che chi non ha fatto scorte in autunno ha dovuto sostenere enormi costi aggiuntivi". Sul breve termine ci sono diverse alternative alla coltivazione delle patate, continua l'esperto. "L'orzo da malto si sta affermando come una coltura a basso input, e la sua produzione richiede meno capitale e meno fertilizzanti. Anche il grano è una coltura interessante per molti coltivatori, non da ultimo per i suoi bassi requisiti di manodopera. I legumi come i piselli e la soia si stanno affermando come una terza alternativa alle patate".

Prevista una riduzione della superficie
Secondo Graf, l'attuale rotta che viene stabilita influenzerà anche il prossimo futuro dell'industria della patata. "Se ora vengono mandati i segnali sbagliati ciò potrebbe indirettamente portare in futuro all'abbandono delle patate da parte di alcuni coltivatori. Anche se non abbiamo ancora numeri concreti, mi aspetto una riduzione delle superfici già da quest'anno".

Per maggiori informazioni:
Johann Graf
Bayerische Kartoffel GmbH
Max-Joseph-Straße 9
80333 Monaco - Germania
+49 089 55 873 111
Johann.Graf@BayerischerBauernVerband.de 
bayerische-kartoffel.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto