François Bellivier, Capexo:

"A Pasqua il mercato dell'avocado è risultato più stabile"

La Pasqua rappresenta un periodo cruciale per la frutta esotica e quest'anno il mercato francese degli avocado è sembrato più equilibrato rispetto agli anni precedenti.

"Grazie alle accattivanti attività promozionali, la domanda è stata abbastanza buona. La differenza più evidente rispetto alle passate stagioni è il fatto che l'offerta è varia. Di solito, in questo periodo, siamo alla sovrapposizione delle origini, con la fine della campagna del Mediterraneo e l'inizio di altre origini latino-americane o africane. Ma quest'anno le forniture di Israele e Spagna sono state molto più abbondanti del solito (+30%), e questo ha sconvolto il mercato invernale e non ha lasciato molto spazio all'inizio di aprile. Anche il Cile ha esportato molti più volumi perché ha avuto una grande produzione. Tutto ciò ha avuto un impatto sui prezzi, compresi tra 11 e 13 euro per spedizione, mentre erano di 15-16 euro nel 2021".

Un mercato equilibrato
Questa situazione ha finalmente permesso agli importatori di avvicinarsi a un mercato piuttosto stabile, subito prima di Pasqua. "Ciò favorisce un certo equilibrio. L'evoluzione di questo tipo di mercato permette di avere interessanti prezzi al consumo, che aumentano gli stessi consumi e ci aiutano a fornire una qualità migliore. Diversamente, quando le quotazioni sono troppo alte, la domanda rallenta improvvisamente e nel momento in cui il mercato si autoregola, la qualità ne è già influenzata".

"Per quanto riguarda gli avocado, le variazioni di prezzo sono molto speculative e avvengono piuttosto rapidamente. Io preferisco una buona dinamica di mercato che ci permetta di offrire prezzi interessanti per tutti, in modo da mantenere i livelli di consumo alti e garantire un prezzo equo ai produttori".

I volumi peruviani dovrebbero aumentare dell'11%
Per quanto riguarda i prossimi mesi della campagna, la situazione è incerta. "Ancora una volta, il Perù ha annunciato un aumento della produzione dell'11%. Gran parte di questi volumi dovrebbe essere reindirizzata negli Stati Uniti, ma questo è stato annunciato anche lo scorso anno e poi non ha avuto seguito. Al momento, una spedizione di 4 kg viene venduta a 11-13 euro, rispetto ai 25 euro negli Stati Uniti. Ciò dimostra che la domanda sul mercato americano è buona, quindi speriamo che, come annunciato, il Perù esporterà effettivamente alcuni volumi negli Stati Uniti. Questo ridurrà l'offerta sul mercato europeo e contribuirà a stabilizzare le vendite".

Verso un mercato europeo saturo?
Diversamente, se gli Stati Uniti non assorbiranno una parte dei volumi peruviani, i picchi di produzione tra la settimana 21 e la settimana 31 causeranno probabilmente una saturazione del mercato europeo. "Il mercato ne verrà davvero sconvolto, in termini di prezzi. L'anno scorso, le quotazioni sono crollate a 5 euro per spedizione. Se il mercato americano assorbirà parte della produzione peruviana, i prezzi non dovrebbero scendere al di sotto di 9,5-10 euro per spedizione. Non solo, sono aumentate anche le esportazioni dal Sudafrica e dal Kenya e, poiché la Russia è ormai fuori dai giochi, finiranno per essere reindirizzate verso il mercato europeo".

Altri fattori potrebbero eventualmente sconvolgere il mercato, come l'aumento dei costi di trasporto, materie prime e input, nonché la disponibilità di container. "Oggi spendiamo da 10.500 a 11.000 euro per container, rispetto ai 6.500 euro dell'anno scorso. Inoltre, in Perù è tutto più costoso (fertilizzanti, cartoni) e questo creerà problemi che non verranno fuori subito. Per il mercato europeo questo è positivo perché ci saranno meno volumi, ma sarà negativo per i produttori perché non potranno esportare".

Per maggiori informazioni:
François Bellivier
Capexo
Tel.: +33 1 41 73 23 00  
Cell.: +33 6 75 03 76 54 
Email: f.bellivier@capexo.fr     
Web: www.capexo.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto