L'autotrasporto protesta anche in Germania

Anche la ricca Germania sente il morso dell'aumento dei costi dei carburanti, che ha portato il gasolio a toccare i due euro e mezzo al litro e che spinge gli autotrasportatori tedeschi ad alzare la voce e perfino ad attuare manifestazioni. Alla fine di marzo 2022 si registrano cortei di camion lumaca bella regione di Brandeburgo, dove sorge la capitale Berlino, e nel Nord Reno-Westfalia.

Oltre all'aumento del carburante nel proprio Paese, i brandeburghesi lamentano la concorrenza dei vicini polacchi, che beneficiano di un prezzo più basso del gasolio. Per affrontare la crisi, il Governo federale ha annunciato una riduzione del prezzo del gasolio di 14 centesimi al litro per tre mesi, ma non la ha ancora attuata. Una cifra che però non soddisfa le imprese di autotrasporto e annunciano nuove proteste.

Fonte: Trasporto Europa


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto