Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Dati di LA UNIÓ de Llauradors

Le recenti gelate nella regione di Valencia hanno causato perdite stimate di 50 milioni di euro

Le gelate registrate recentemente nella regione spagnola di Valencia hanno già causato perdite stimate di oltre 50 milioni di euro, secondo i dati pubblicati dall'organizzazione spagnola LA UNIÓ de Llauradors. Ciò si va ad aggiungere agli 11 milioni di euro di perdite causate dalle piogge persistenti.

I dati de LA UNIÓ rivelano che il gelo ha colpito oltre 33.000 ettari. La provincia di Valencia, con il 64% della superficie, è la più colpita, seguita da Castellon con il 27% e Alicante con l'11%. In termini di regioni, la più colpita è Utiel-Requena con il 17%, seguita da La Serranía e La Plana Alta, con 10 e 9%, rispettivamente.

La maggior parte degli ettari colpiti, ovvero l'80%, corrisponde a mandorli, un altro 10% a kaki, l'8% a frutta estiva e ciliegie e il 2% a verdure (patate, cipolle e carciofi). Tuttavia, le perdite più pesanti saranno registrate dai kaki, dato che almeno il 50% è andato perso, e questa cifra potrebbe diventare ancora più alta se verranno confermate le prospettive più negative. I mandorli rappresentano il 37% dei danni, essendo la coltura con la maggiore estensione. La frutta estiva, già gravemente colpita dalle piogge delle ultime settimane, rappresenta il 7% dei danni e gli ortaggi il 5%.

LA UNIÓ sta chiedendo aiuti finanziari, in varie forme, per coloro che sono stati colpiti da queste avverse condizioni meteorologiche (prima le piogge e ora il gelo), così come risarcimenti per le cooperative di commercializzazione colpite.

I danni causati dal gelo sono coperti dall'attuale sistema di assicurazione agricola e LA UNIÓ ha chiesto ad Agroseguro di accelerare urgentemente l'ispezione dei lotti danneggiati e di adeguare gli indennizzi alla realtà della situazione.

Per maggiori informazioni:
LA UNIÓ
+34 963 530 036
launio@launio.org
launio.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto