Peter Turner - Variety Innovations B.V.

I coltivatori sudafricani hanno acquisito le competenze necessarie per coltivare i kiwi gialli

I coltivatori sudafricani che hanno rischiato, investendo nella produzione degli allora sconosciuti kiwi gialli (l’interesse per i kiwi verdi è svanito in Sudafrica circa vent'anni fa), oggi ne raccolgono i frutti. Lo afferma Peter Turner, direttore della Variety Innovations BV che rappresenta la varietà di kiwi Soreli in Sudafrica, dove la stagione domestica del kiwi a polpa gialla inizia a metà febbraio e termina all'inizio di maggio.

"Ora abbiamo la dimostrazione che: i kiwi gialli possono produrre raccolti sostenibili anno dopo anno; hanno una buona qualità per l’esportazione; arrivano a destinazione in buone condizioni; generano buoni profitti per i coltivatori. All'interno del nostro gruppo Soreli, abbiamo dei coltivatori che alcuni anni fa si sono rimboccati le maniche e hanno imparato a coltivare i kiwi, e ora stanno raggiungendo la fase in cui sentono di aver affrontato e superato molte sfide", dice Peter. "I coltivatori più anziani sono soddisfatti. La loro scelta di coltivare i Soreli e altre varietà si è dimostrata valida".

Di recente, l’open day organizzato a Waboomskraal, nel Capo Occidentale, una località ideale in Sudafrica per la produzione di kiwi verdi e gialli, ha attirato quasi 90 partecipanti, sia in presenza che virtualmente.

È normale che molti produttori siano interessati alla coltivazione dei kiwi gialli e ai buoni profitti che genera, ma in realtà Peter passa molto del suo tempo a dissuadere quelli che non possono beneficiare del clima adatto, o talvolta, quelli provenienti da produzioni agricole estensive, che non sono abituati alla coltivazione intensiva del kiwi.

"Il kiwi è un prodotto implacabile se non sei aggiornato sui suoi requisiti di coltivazione. Con altre colture, i produttori possono risolvere un problema in un secondo momento, ma con il kiwi non si recupera più, è necessario stare sempre in allerta".

I kiwi gialli sudafricani sono molto apprezzati sul mercato
Peter dice che le conoscenze che hanno permesso di creare le condizioni uniche di coltivazione in Sudafrica, che sono molto diverse da quelle della Nuova Zelanda e del Cile, saranno un trampolino di lancio per altri coltivatori. Ma i nuovi produttori devono sapere tutto sulle varietà che stanno piantando e su come rispondono in Sudafrica.

"Ora tutto questo è molto più chiaro: sappiamo quali sono le varietà, le aree e le tecniche di coltivazione giuste". Peter continua: "Quello che non è ancora chiaro ai coltivatori sudafricani è: qual è la performance annuale di una varietà, in termini di tonnellaggio? Qual è la ripartizione per calibri e packout, e la gamma di calibri risponde alle richieste del mercato? Quando è il momento giusto per la raccolta e qual è la capacità di stoccaggio?".

Nell’ambito del loro gruppo di coltivatori, stanno affrontando tutte queste questioni per produrre un frutto con un contenuto di sostanza secca superiore al 18% e che possa essere trasportato senza problemi.

"Il mercato è molto soddisfatto di ciò che sta ricevendo, ed è molto interessato. Nel 2017, abbiamo iniziato con molti arrivi morbidi, ma ora siamo a un livello in cui la maggior parte dei nostri frutti arriva in buone condizioni, con adeguati colore, tenore zuccherino, calibro e qualità".

"Cerchiamo di capire quali varietà, quali aree e quali tecniche di coltivazione sono quelle giuste".

Il clima del Sudafrica è molto diverso da quello di Nuova Zelanda e Cile per la coltivazione del kiwi
"La questione che mette d’accordo tutti", osserva Peter, "è che se ti trovi in un'area abbastanza fredda, tutto procede in modo più ordinato e sostenibile, e i coltivatori ottengono i risultati attesi". Aree come Elgin, Waboomskraal, le zone più fredde del KwaZulu-Natal, Magoebaskloof si adattano perfettamente.

"Le nostre aspettative non sono esagerate, come quelle dei coltivatori neozelandesi. Dal punto di vista produttivo, le attese sono nella media: da 25 a 30 tonnellate di frutta commerciabili per ettaro".

In Nuova Zelanda, l'aspettativa di produzione può essere due volte più alta, considerato il livello di sviluppo raggiunto dalla loro industria del kiwi e il forte sostegno delle attività di ricerca e sviluppo del settore, nonché dal vantaggio dato dalla loro latitudine inferiore e dal loro clima marittimo.

Foto fornite da Peter Turner

"Il Sudafrica è una zona fredda marginale e non ha risorse da investire nella ricerca e sviluppo, cosa che invece hanno i coltivatori neozelandesi. In questo momento, i coltivatori sudafricani sono fiduciosi che i loro livelli di produzione possano ancora aumentare ma, nel frattempo, ottenere da 25 a 30 tonnellate per ettaro, è un buon inizio per una produzione sostenibile".

Per maggiori informazioni:
Peter Turner
Variety Innovation B.V. (EU)
Tel: +27 82 894 5938
Email: peter@sorelikiwi.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto