In Spagna

In questa campagna è diminuita la superficie piantata ad aglio viola a Cordova

La RAIF-Rete di allerta e informazione fitosanitaria dell'Andalusia (Spagna) ha pubblicato un rapporto sulla situazione attuale della coltivazione dell'aglio a Cordova, la più grande provincia produttrice di aglio dell'Andalusia, che rappresenta il 38,7% della superficie regionale e il 41,2% della sua produzione.

La varietà Primavera occupa quasi il 70% della superficie totale. "L'attuale situazione causata dalla siccità è meno preoccupante perché le colture sono state piantate in ottobre, quando l'acqua era disponibile. A dicembre c'era molta preoccupazione tra i produttori che stavano seminando la varietà viola a causa della mancanza di piogge e perché non erano previste piogge al momento della semina. Così molti agricoltori hanno scelto di non seminare, il che ha portato a una diminuzione della superficie di aglio viola seminata in questa campagna. Nel complesso, la superficie totale seminata è diminuita di quasi il 10%".

"I fertilizzanti applicati alle piantagioni hanno avuto poco effetto a causa dell'assenza di piogge e delle scarse forniture di acqua per l'irrigazione, per cui la coltura non si sta sviluppando correttamente, a circa 2 mesi dall'inizio della raccolta - ha dichiarato la RAIF - D'altra parte, non ci sono parassiti o malattie significative a causa del clima secco, per cui non è stato effettuato quasi alcun trattamento".

"Praticamente non ci sono dubbi che il raccolto di aglio di questa campagna sarà inferiore a quello dell'anno scorso. Le coltivazioni sono migliorate con le piogge di questi giorni, ma in molti casi l'acqua è arrivata tardi".

"Le malattie crittogamiche potrebbero iniziare a comparire e i produttori dovrebbero prestare particolare attenzione alla peronospora fogliare e alla ruggine, poiché l'incidenza di queste fitopatie è strettamente legata alle condizioni meteorologiche. Pertanto la pioggia e le temperature miti che abbiamo avuto in questi giorni favoriscono lo sviluppo e la diffusione di queste fitopatie".

Fonte: juntadeandalucia.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto