L'industria del vetro è in grave crisi

"Oltre 8.000 aziende alimentari spagnole che utilizzano contenitori in vetro si troveranno in seria difficoltà"

Il costo dell'energia, la guerra in Ucraina e lo sciopero dei trasportatori hanno avuto un impatto sull'industria del vetro, mettendo a rischio la fornitura di imballaggi a più di 8.000 aziende alimentari.

Il segretario generale dell'Associazione nazionale dei produttori di contenitori di vetro (ANFEVI), Karen Davies, ha riferito a Efeagro che la situazione attuale è critica. L'industria del vetro sta lottando per soddisfare le aziende dopo la pandemia, e al momento si stanno aggravando i loro problemi nell'ottenere la corretta fornitura di materie prime per le fornaci, e per fornire imballaggi alle marche di alimenti e bevande.

"Oltre ai problemi causati alla stessa industria del vetro, oltre 8.000 aziende alimentari spagnole che usano contenitori in vetro avranno serie difficoltà a esportare i loro prodotti e a farli arrivare alla distribuzione, al settore alberghiero o al settore della ristorazione", ha dichiarato il rappresentante di Anfevi.

Il prezzo dell'energia (soprattutto del gas naturale) è raddoppiato dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina e, se prima rappresentava dal 20 al 30% dei costi di produzione, ora è aumentato, arrivando tra il 68,40 e il 78,16%.

Conseguenze ambientali
"La situazione critica sta mettendo in pericolo anche la crescita e il futuro di questo materiale riciclabile al 100%", ha aggiunto. Inoltre, lo sciopero dei trasportatori sta interrompendo la catena di riciclo, tagliando la fornitura di vetro riciclato, che oltre ad essere la principale materia prima dell'industria è anche l'elemento che aiuta a ridurre il consumo energetico.

Infine, "la carenza di imballaggi in vetro può portare alcuni segmenti di mercato a cambiare i materiali di confezionamento con altri meno ecologici o che non possono essere riciclati", ha detto Davies.

Fonte: efeagro.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto