L'Ecuador si concentra sulla produzione sostenibile di banane

La pandemia ha colpito tutti i Paesi del mondo a livello sanitario, ma anche economico. La logistica internazionale è crollata, i voli sono stati cancellati, la situazione nei porti è stata molto caotica e i contratti sono stati cancellati. Insomma, una crisi economica globale.

"Ma il settore bananicolo dell'Ecuador, nonostante i problemi sanitari e logistici, si è mostrato resiliente e, nel 2020, è stato registrato un record nelle esportazioni di banane con un aumento del 9,92% rispetto al 2019. Dei 380 milioni di casse esportate nel 2020, il 26,5% è arrivato in Europa" hanno affermato Fátima Garcia del Ministero della produzione, esportazioni, investimenti e pesca e Andrea Boekhoud Montoya dell'Ufficio per il commercio e gli investimenti dell'Ecuador nei Paesi Bassi.

Sviluppo
Questa crisi sanitaria ha rafforzato l'impegno del produttore di banane ecuadoriano nei confronti dei principi e delle pratiche di produzione sostenibile, secondo il team dell'Ufficio del commercio e del Ministero. "I progressi e le conquiste dell'industria bananicola dell’Ecuador nella produzione sostenibile vanno di pari passo con l'obiettivo di contribuire allo sviluppo del Paese, attraverso la produzione sostenibile e la commercializzazione delle banane".

Impronta chimica minima
L'Ufficio per il commercio e gli investimenti dell'Ecuador e il Ministero vedono che gli aspetti della sostenibilità, come i ritorni finanziari, le condizioni di lavoro, l’equità sociale e la protezione ambientale, sono stati garantiti da una solida legislazione che incoraggia e sostiene i produttori ecuadoriani.

"Ciò ha consentito risultati significativi nella produzione di banane e nella promozione internazionale, rendendo l'Ecuador il leader indiscusso nel mondo per la produzione sostenibile di banane. Inoltre, l'Ecuador è il Paese produttore di banane nella regione delle Americhe con la minore impronta chimica. Abbiamo anche ottenuto risultati significativi nei settori della salute ambientale e quindi dell'uso del suolo e della biodiversità".

Il team precisa che, in termini di cicli di fumigazione contro la fitopatia nota come Black Sigatoka, in Ecuador questo procedimento avviene un massimo di 25 volte all'anno, mentre in altri Paesi della regione la media è di oltre 60 cicli all'anno.

Margini di miglioramento
L'Ufficio per il commercio e gli investimenti dell'Ecuador e il Ministero osservano che, nel settore delle banane ecuadoriane, i progressi in termini di qualità e sostenibilità stanno aumentando, rendendo il Paese leader mondiale delle esportazioni, negli ultimi 10 anni. Tuttavia, il team è consapevole che ci sono margini di miglioramento. "Il settore sta affrontando questa sfida e continuerà a offrire il meglio dell'Ecuador al mondo".

Quasi 200.000 ettari di banane
Secondo il Survey of Surface and Continuous Agricultural Production (ESPAC) 2019, pubblicato a maggio 2020, e secondo il Ministero dell'agricoltura e dell'allevamento (MAG), ci sono 190.381 ettari di banane in Ecuador. Di questi, il 49,75% è di proprietà di produttori con più di 100 ettari; il 31,21% di produttori tra i 30 e 99 ettari e il 19,03% è di proprietà di produttori da 1 a 29 ettari.

Foto di Luderson.com.ec

Per maggiori informazioni:
Ufficio per il commercio e gli investimenti dell'Ecuador
amontoya@produccion.gob.ec


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto