Le rotte marittime verso Russia e Ucraina subiscono le conseguenze del conflitto bellico

La raccolta egiziana potrebbe iniziare una settimana prima rispetto allo scorso anno

Grazie alle buone condizioni meteo, la raccolta in Egitto sembra promettente. La qualità dovrebbe essere su livelli adeguati, anche se l'aumento dei costi di produzione si sta rivelando una sfida. Un esportatore egiziano di uva da tavola afferma di riuscire ancora a fornire il mercato russo, ma le rotte marittime stanno subendo le conseguenze del conflitto in corso.

May Salem, amministratore delegato dell'azienda d’esportazione egiziana di frutta FinBi, afferma che le previsioni per la stagione dell'uva da tavola egiziana sono positive. "Siamo fortunati con il meteo in questo momento. Le uve si stanno sviluppando magnificamente. Stiamo rispettando il programma e prevediamo che la raccolta inizi una settimana prima rispetto allo scorso anno. I germogli della Flame sono attualmente lunghi circa 10-12 cm, mentre la Superior è di 5-6 cm. Tra 3 giorni avremo la fioritura. Se tutto va bene, prevediamo di raccogliere la nostra Flame entro il 15 maggio. Ci aspettiamo una buona qualità dei grappoli, ma ancora più importante la diminuzione dei livelli e del numero di residui di agrofarmaci. Alla FinBi, siamo molto severi nel monitoraggio e nei test su queste sostanze".

In questa stagione, il clima non è stato un problema come l'anno scorso, ma l'aumento significativo dei costi di produzione si sta rivelando una sfida completamente nuova quest'anno, secondo Salem. "I volumi previsti per questa stagione sembrano promettenti. Torneremo ai nostri livelli di produzione precedenti. L'anno scorso, la resa è stata bassa a causa delle condizioni climatiche. Ha fatto caldo durante i mesi di novembre e dicembre 2020, ma in questa stagione la temperatura è stata favorevole. Tuttavia, la sfida principale quest'anno è il costo di produzione e spedizione. I teli di plastica per la copertura sono aumentati del 70%, mentre i fertilizzanti sono aumentati tra il 15 e il 25%. I prezzi saranno sicuramente più alti a causa di questi aumenti. Prevediamo un incremento alla vendita dell'uva da tavola tra il 20 e il 25%, rispetto allo scorso anno".

Per FinBi, il mercato russo è importante. Sebbene l'azienda possa ancora esportare in Russia la sua uva da tavola, le rotte di spedizione e le modalità di pagamento ne hanno risentito. "L'anno scorso, tutte le nostre uve da tavola Superior sono andate in Russia. Il mercato russo è importante per noi: gli esportatori forniscono prodotti ortofrutticoli egiziani ai supermercati di tutta il Paese. Le rotte marittime verso Russia e Ucraina sono state colpite dall'attuale conflitto bellico, ma le esportazioni non si sono fermate. Anche i pagamenti sono difficili, a causa dell’esclusione dal sistema Swift, ma si cercano alternative. Siamo soprattutto coltivatori e forniamo grandi esportatori egiziani che spediscono principalmente in Europa. In questa stagione, alcune aziende olandesi sono in contatto con noi per l'esportazione diretta".

"Stiamo seguendo gli eventi in Ucraina e speriamo che le conseguenze economiche siano limitate. L'Ue è il mercato principale per l'uva da tavola egiziana e altre importanti esportazioni. Stiamo monitorando da vicino il tasso di cambio dell'Euro, insieme alla domanda sui mercati europei", conclude Salem.

Per maggiori informazioni:
May Salem
FinBi for Land Reclamation and Agriculture Development
+202 37495616
may@natesngrapes.com 
www.natesngrapes.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto