Marco Bergman (Harvest House)

La stagione olandese dei peperoni sta affrontando molte sfide a livello commerciale

Mercoledì scorso è iniziata la stagione dei peperoni olandesi da Harvest House. "Dopo alcuni mesi in cui potevamo offrire solo peperoni dalla Tunisia, ora abbiamo ricominciato con i prodotti olandesi", riferisce il commerciante Marco Bergman.


Marco Bergman. Foto: Harvest House

Nessuna coltivazione illuminata di peperoni
"Quest'anno la stagione dei peperoni inizia più tardi per noi rispetto a quelle precedenti. Questo perché non abbiamo un raccolto di peperoni coltivati sotto luce artificiale, come lo abbiamo avuto nelle scorse campagne. A causa degli attuali prezzi dell'energia elettrica, questo tipo di coltivazione non era un'opzione per i peperoni, come per molte altre colture. Inoltre, alcuni dei nostri coltivatori hanno piantato più tardi del solito, così che anche la produzione sta iniziando più tardi. Per questo motivo, la commercializzazione dei nostri peperoni sta avvenendo più tardi. In generale, stiamo cominciando anche con un volume leggermente inferiore rispetto alla scorsa stagione".

"La superficie totale di peperoni di Harvest House è rimasta più o meno la stessa. Tuttavia, vediamo un cambiamento nella distribuzione dei colori. Quest'anno i nostri coltivatori coltivano più peperoni rossi e meno gialli e arancioni. Secondo i nostri dati, la superficie totale nei Paesi Bassi e in Belgio è di circa 30 ettari in meno rispetto alla scorsa stagione", continua Marco.

"A livello commerciale abbiamo molte sfide davanti a noi. Ovviamente, il prezzo dell'energia elettrica e la guerra in Ucraina hanno un enorme impatto. Il prezzo del gas è stato l'argomento di conversazione per mesi, quando parlavamo con i nostri coltivatori. Anche il settore dei trasporti soffrirà molto dei costi elevati del carburante, che metteranno sotto pressione la logistica dei peperoni e di altri prodotti ortofrutticoli".


Foto: Harvest House

Vendite verso destinazioni lontane
La libertà di viaggiare in tutto il mondo è limitata, tra l'altro, dai regolamenti locali anti-Covid, cosa che rende difficile il commercio. Per esempio, ci sono degli interrogativi sulla vendita di peperoni agli Stati Uniti e ai Paesi del Medio ed Estremo Oriente. "Possiamo sfruttare bene le vendite negli Stati Uniti per il peperone e negli ultimi due anni ne abbiamo sentito molto la mancanza. Prima che della crisi in Ucraina speravamo che questa domanda potesse riprendere un po', ma ancora non abbiamo un quadro chiaro in questo senso", dice Marco.

"Naturalmente, anche il potere d'acquisto generale dei consumatori gioca un ruolo molto importante per le vendite di peperoni. Ma se questi scelgono di continuare ad acquistare cibo fresco e sano, ci sarà sempre un posto per i peperoni olandesi nel loro piatto. Sia i nostri coltivatori che lo staff di Harvest House sono pronti a fare di tutto per rendere di successo la stagione dei peperoni 2022!", conclude Bergman.

Per maggiori informazioni:
Marco Bergman
Harvest House
+31 (0)174 519 291
m.bergman@harvesthouse.nl     
www.harvesthouse.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto