Mele bio negli Emirati Arabi Uniti: sostenibilità, origine e marca i valori fondamentali

La richiesta di prodotti biologici negli Emirati Arabi Uniti continua a crescere e si stima che, entro il 2024, salirà del 13% e avrà come protagonista l'ortofrutta fresca, che già ora rappresenta la prima scelta per più del 50% della popolazione locale. I dati sono stati resi noti durante il webinar organizzato da ITA.BIO, la piattaforma per l'internazionalizzazione del biologico Made in Italy promossa da ICE in collaborazione con FederBio e a cura di Nomisma.

"In base alla nostra esperienza, sostenibilità, origine e marca sono criteri di scelta fondamentali per gli abitanti degli Emirati Arabi Uniti, quando decidono di acquistare dei prodotti biologici – ha affermato nel suo intervento Werner Castiglioni, direttore di Biosüdtirol, cooperativa del Consorzio VOG dedicata esclusivamente alla produzione di mele biologiche – Si tratta di un mercato aperto e moderno, per questo i prodotti premium e brandizzati sono fra quelli che hanno la maggiore possibilità di successo, anche nel bio".

Werner Castiglioni, direttore di Biosüdtirol

Secondo i dati resi noti da Nomisma nel corso dell'incontro, per il comparto biologico italiano – che ha generato nel 2021 vendite per 4,9 miliardi di euro - l'export rappresenta una voce sempre più importante. L'Italia è il secondo paese esportatore al mondo, dopo gli USA, con 2,9 miliardi di euro di vendite, nettamente davanti a paesi europei come Spagna e Francia. Tra i mercati di destinazione emergenti gli Emirati Arabi Uniti rappresentano un'opportunità da studiare con attenzione per tutte le aziende che operano in questo segmento, a partire da quelle del settore ortofrutticolo.

Il Consorzio VOG, già presente negli Emirati con il marchio Marlene®, ha introdotto di recente anche la sua produzione biologica. "I primi test bio che abbiamo realizzato diversi anni fa hanno dato subito riscontri interessanti – spiega Walter Pardatscher, direttore generale del Consorzio VOG - Abbiamo deciso di investire su questo mercato in crescita, confidando sulla nostra qualità e sui nostri brand, innanzitutto Bio Marlene® e Biosüdtirol®, ma anche Giga® e RedPop®, tutti posizionati nella fascia premium".

"Utilizziamo confezioni in cartone, molto apprezzate dai consumatori locali, e riusciamo a distinguerci sul mercato dando valore ai nostri soci - ha dichiarato Castiglioni al convegno ITA-BIO - Oggi siamo presenti all'interno dei punti vendita delle principali insegne che operano a Dubai, come ad esempio Carrefour o Waitrose".

Trovare partner locali affidabili, soprattutto quando le destinazioni sono così lontane, è un aspetto centrale in questi mercati. "Le nostre mele vengono spedite negli Emirati Arabi Uniti via nave e arrivano a destinazione dopo svariate settimane di viaggio – ha concluso il direttore di Biosüdtirol – Instaurare partnership con importatori e distributori che conoscono i nostri prodotti e sanno restituirci feedback puntuali è fondamentale per avere successo".

La crescita dell'export è stata ovviamente rallentata dalla pandemia, date le ben note ripercussioni sulla logistica, ma continua con costanza. VOG oggi esporta le sue mele biologiche, che rappresentano il 10% della produzione totale del Consorzio, in più di 40 Paesi nel mondo.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto