Tensioni e incertezze dovute all'invasione militare dell'Ucraina

Ieri mattina, 24 febbraio 2022, l'Europa si è svegliata con la notizia dell'invasione russa dell'Ucraina. In uno sviluppo rapido senza precedenti, la situazione minacciosa è degenerata in un conflitto militare. Oltre alle tensioni, alle incertezze e alle sofferenze personali in Europa orientale, sta diventando chiaro che anche l'Europa occidentale sarà influenzata. Le spedizioni sono già state sospese.

"Abbiamo molti contatti con i nostri clienti in Ucraina. L'incertezza è alta", dice l'esportatore olandese di prodotti freschi Lennart van den Heuvel di Hoofdman Roodzant. "Soprattutto, ora è necessaria la pace e dovremo aspettare e vedere come si sviluppa. Ora stiamo sospendendo un certo numero di carichi".

Trasporto
Si prevede che i trasporti da e per l'Ucraina soffriranno della situazione. Per esempio, la Russia ha sospeso la navigazione commerciale nel Mar d'Azov. La riva settentrionale del Mar d'Azov è ucraina, e il mare interno è collegato al Mar Nero da uno stretto.

La frutta migliore dalla Cina
Il conflitto ha anche portato a spostamenti nei flussi commerciali. La Russia ha annunciato che aprirà le sue frontiere a mele e pere cinesi per la prima volta dal 2019. Secondo i dati USDA relativi alla stagione 2017/18, la Cina è stata storicamente il terzo più grande fornitore di mele e pere della Russia.

Nessun cambiamento
Non sembrano esserci cambiamenti per il momento da e verso altri paesi dell'Europa orientale che circondano l'Ucraina. La Mandersloot's Expeditiebedrijf, con sede a Scherpenzeel (Paesi Bassi), non fornisce trasporti verso l'Ucraina, ma l'azienda è attiva nell'Europa orientale. Il direttore del gruppo commerciale Willem van Leuveren vede che la tensione e l'incertezza nelle nazioni vicine come la Romania e la Polonia stanno aumentando. In termini di trasporto, tuttavia, non ha notato alcun cambiamento nell'Europa dell'Est per il momento.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto