Warren Bam: "La coltivazione è gratificante, ma impegnativa"

Regno Unito ed Europa aspettano con impazienza l'uva da tavola biologica sudafricana

La prima uva da tavola biologica della stagione della WCB Farming di Warren Bam, in Sudafrica, dovrebbe arrivare questa settimana (settimana 7 del 2022, ndt) nel Regno Unito e in Europa. Chi la riceverà sul mercato inglese e i retailer nell'Europa continentale attendono con impazienza alcune delle ultime varietà senza semi dell’azienda. Bam produce uva da tavola biologica nell’azienda Gunsteling (Favorite), una delle sole 5 unità di produzione certificate biologiche al 100% del Sudafrica.

Warren ispeziona l'uva da tavola Autumn Crisp nel Wesland

"L'agricoltura biologica è gratificante, ma può essere molto impegnativa. Quest'anno le piogge invernali sono state lunghe e intense, mentre la nostra stagione è iniziata più tardi del solito. Ho iniziato a raccogliere le uve da tavola biologiche nella seconda settimana di quest'anno. È stato un inizio di stagione piuttosto lento. Siamo riusciti a imballare per circa due giorni a settimana e abbiamo dovuto aspettare che gli acini d'uva raggiungessero i livelli zuccherini ottimali. Sui nostri mercati chiave, si attendono con impazienza gli arrivi previsti", afferma Bam.

Le sue uve da tavola biologiche vengono fornite al suo cliente di lunga data, la Ethical Fruit Company del Regno Unito, e direttamente a una serie di supermercati di fascia alta, leader in Europa.

FreshPlaza ha visitato le aziende di Bam a Saron, una lussureggiante area di coltivazione dell'uva da tavola situata a circa 130 km da Città del Capo. La visita è stata organizzata dalla !Xhariep Region of the Agricultural Writers South Africa - l'associazione dei giornalisti agricoli del Paese - che, nel 2017, ha assegnato a Bam il premio di New Entrant to Commercial Farming (nuovo arrivato nell'agricoltura commerciale, ndt).

Bam, figlio del defunto Herman Bam, un agricoltore di Saron a cui, durante gli anni dell'apartheid in Sudafrica, venne impedito di studiare agraria. Ora il figlio Warren porta avanti con successo l'azienda agricola di uva da tavola convenzionale Wesland, di oltre 100 ettari, insieme all'agricoltore di terza generazione Wessel van Niekerk, figlio del datore di lavoro del suo defunto padre. Alcuni anni fa Bam e Van Niekerk hanno avuto la fortuna di acquistare anche la vicina azienda, Die Denne, situata tra le aziende Gunsteling e Wesland.

Ora posseggono un totale di oltre 200 ettari, con un volume d’esportazione compreso tra 500mila e 570mila cartoni delle ultime e più ricercate varietà di uva da tavola senza semi. Queste includono Joybells (la cultivar selezionata in Sudafrica), Autumn Crisp, Sweet Globe, Jack Salute, Allison, Sweet Sapphire, Arra 15 e poche altre.

Warren Bam ha una lunga esperienza nell'agricoltura biologica, avendo avuto la possibilità di seguire la sua passione per la coltivazione di uva da tavola presso il vicino maso Lushof. Fu al funerale del padre, più di 21 anni fa, che il fratello di van Niekerk, Braam, gli chiese di unirsi alla loro azienda come direttore. Il maso Lushof è stato infine venduto a un agricoltore britannico che ha anche chiesto a Warren di coltivare non solo uva da tavola biologica, ma anche mirtilli bio.

Warren Bam (a sinistra) e il suo partner commerciale (a destra) Wessel van Niekerk

La partnership di successo di Warren Bam e Wessel van Niekerk è un ottimo esempio di ciò che si può ottenere nell'agricoltura sudafricana con il sostegno del settore (SATI) e del governo (sia l'agricoltura del Capo occidentale che il governo nazionale) sotto forma di finanziamenti, attrezzature e altro, per guidare una vera trasformazione di proprietà paritaria.

Ora, oltre 20 anni dopo, Warren ha accumulato molta pratica nell’agricoltura biologica e convenzionale. Questo lo pone in una posizione unica come proprietario di entrambi i tipi di aziende agricole, per fare confronti diretti tra i requisiti di coltivazione, imballaggio e spedizione di entrambe le produzioni.

"Sebbene il biologico sia un mercato di nicchia con pochi fornitori, si può ottenere un prezzo alto per cassa rispetto all'uva da tavola convenzionale, più stabile e prevedibile, indipendentemente dal calibro dell'acino. Ma l'agricoltura biologica è molto impegnativa, è necessaria una gestione quotidiana. Non ci si può rilassare nemmeno a Natale o a Capodanno perché i vitigni biologici necessitano di continue attenzioni per raggiungere livelli ottimali. Le sostanze chimiche, in quanto strumenti necessari di protezione delle colture e la mitigazione del rischio, sono molto limitate. Nell'agricoltura biologica siamo autorizzati ad applicare determinati prodotti chimici a contatto, ma questi si lavano via ad ogni pioggia e devono essere riapplicati all'uva da tavola, con grandi spese. Nell'agricoltura convenzionale è consentito trattare le colture con sostanze chimiche sistemiche per proteggere il raccolto".

"Anche se utilizziamo molti meno fitofarmaci rispetto all'agricoltura convenzionale, i requisiti dei fertilizzanti, e quindi i costi, sono molto più elevati. Applichiamo, inoltre, il fertilizzante a mano. Nell'agricoltura biologica, alcune attività come il controllo delle erbe infestanti, sono estremamente importanti", spiega Bam.

"Sono stato fortunato nella mia vita per aver potuto vivere la mia passione e di essere riuscito a trasmetterla a mio figlio Gabriel. Non c'è niente di più bello nella vita che tenere in mano la vite non piantata e meravigliarmi che possa crescere per 20 anni ed essere in grado di fornire un reddito per me, la mia famiglia e tanti altri che dipendono da questa attività", conclude Bam.

Per maggiori informazioni:
Warren Bam
Wesland Farming
Tel: +27 (0)22 125 0240
Email: info@wesland.co.za
Web: www.wesland-boerdery.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto