Il tasso di cambio Lira turca/Dollaro ha spinto a una maggiore aggressività nell'export

Le mele turche stanno registrando un discreto andamento sul mercato indiano. La domanda era così forte che la stagione delle esportazioni è iniziata prima del solito. Ciò potrebbe comportarne una fine anticipata che, a sua volta, si tradurrebbe in prezzi più alti quando le scorte si esauriranno.

Secondo Alper Kerim, proprietario dell'azienda d’esportazione turca di mele Demir Fresh Fruits, nel 2021, la stagione delle mele turche ha avuto un inizio sorprendentemente anticipato. "In genere, iniziamo a esportare mele sul mercato indiano entro la fine di dicembre, ma nella stagione attuale l'export è iniziato a novembre. Le vendite sono aumentate sia a novembre che a dicembre. Si potrebbe dire che la domanda era in realtà un po' troppo alta, ma il tasso di cambio Lira turca/Dollaro ci ha spinto a essere più aggressivi nell'esportazione. La Turchia ha spedito oltre 500 container di mele in soli due mesi. Come al solito, l'India è risultata il maggiore acquirente. Soprattutto nella parte meridionale del Paese, la domanda è stata più alta rispetto agli anni precedenti".

Nonostante l'attuale situazione della Lira turca, Demir ritiene di poter sfruttare al meglio l’aumento dei prezzi nei prossimi mesi. "Le quotazioni in Dollari sono leggermente inferiori rispetto allo scorso anno, perché la Lira turca ha perso troppo valore. Ma sembra che i prezzi possano salire nei prossimi mesi, poiché le quantità stoccate non sono sufficienti per continuare con le esportazioni fino a giugno, come siamo riusciti a fare l'anno scorso. La Demir Fresh Fruits è uno dei primi 3 marchi di mele importate, in tutto il mercato indiano. E il nostro obiettivo è ancora quello di essere il primo marchio di mele turco in India. La nostra capacità e la nostra qualità ci porteranno sicuramente ai massimi livelli".

Le questioni relative alle valute hanno comportato delle spese maggiori per l'esportatore turco. "Il valore della Lira turca è cambiato molto rapidamente. Il valore del Dollaro è aumentato, ma alla fine di dicembre è sceso improvvisamente e, in meno di due giorni, ha perso circa il 40% del valore", spiega Kerim.

"Non è facile essere un importatore o un esportatore in Turchia perché le dinamiche cambiano non solo in un giorno, ma anche di minuto in minuto. Il valore delle nostre vendite è aumentato ma, al contempo, i nostri materiali di imballaggio e il costo della manodopera sono aumentati, a causa del valore inferiore della Lira turca. L'uso di casse di cartone per l'imballaggio si è ora trasformato nella nostra spesa maggiore, quindi abbiamo stretto accordi con le aziende produttrici di cartone su livelli molto alti, dopo che il Dollaro ha perso circa, in una sola notte, il 40% del suo valore. È stata una vera sfida per noi, poiché i nostri costi sono rimasti gli stessi ma, di conseguenza, le nostre vendite sono diminuite".

Dato che l'India è un grande mercato per le mele turche, Kerim ha notato che alcune persone senza la necessaria conoscenza di tale mercato, hanno iniziato ad ambire alla loro "fetta di torta".

"Tutti hanno iniziato a esportare mele dalla Turchia sul mercato indiano, anche operatori che non avevano alcuna conoscenza delle mele, né le necessarie informazioni sulla qualità attesa o persino sulle dinamiche del mercato indiano. In questi giorni si sente dire che la maggior parte di questi esportatori è bloccata a recuperare i soldi o gestire i reclami. Troppe mele confezionate aspettano nelle celle refrigerate turche, a causa del rallentamento della domanda sul mercato indiano. Per quanto riguarda la nostra azienda, abbiamo i partner giusti in India, quindi non stiamo riscontrando alcuna difficoltà".

"Suggerirei agli importatori indiani che cercano di fare affari con le aziende produttrici di mele, di trattare con esportatori che operano nel settore delle mele da un periodo più lungo, con marchi noti tra i consumatori indiani. In caso contrario, gli importatori rischiano di ricevere mele di bassa qualità, il che significa che sarà difficile venderle, a meno che non si applichino prezzi bassi, considerata la scarsa qualità. Detto ciò, mi aspetto una nuova impennata della domanda di mele turche in India", conclude Kerim.

Per maggiori informazioni:
Alper Kerim
Demir Fresh Fruits
Tel.: +90 532 514 2080
Email: alper@dff.com.tr  
Web: www.dff.com.tr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto