Ger Zinken (Zi-Vision) parla della meccanizzazione nel settore ortofrutticolo tedesco

Il confezionatore di oggi non può fare a meno dello smistamento ottico

Da quando si è scatenata la pandemia, la carenza di personale e il rispetto del distanziamento di un metro e mezzo hanno dato una spinta alla meccanizzazione. Le tecniche di selezione, imballaggio e lavorazione sono molto richieste in tutto il settore, non solo dalle grandi aziende di produzione, ma anche dai piccoli operatori che muovono i primi passi nel campo della meccanizzazione. A riferirlo è Ger Zinken di Zi-Vision, che dal 2008 rappresenta rinomati fornitori di macchine sul mercato tedesco.


Ger Zinken

È stata soprattutto la tecnologia di smistamento ottico a decollare negli ultimi anni, anche nei Paesi vicini orientali. "Lo smistamento ottico automatizzato permette un controllo di qualità a costi inferiori. Nell'industria alimentare questa tecnica è inevitabile, non solo per le aziende che producono grandi volumi, come succede nella lavorazione delle patate, ma anche per i settori con volumi inferiori", dice Ger, che rappresenta le aziende Optimum Sorting, VH Vertical Packaging, FoodEq Engineering e Herbort.

Come ingegnere consulente con una grande esperienza, dal 2008 Zinken si è concentrato inizialmente sulla tecnologia di smistamento, poi nel corso degli anni è aumentata la richiesta di una tecnologia aggiuntiva di lavorazione e imballaggio. "I fornitori olandesi e belgi hanno un'ottima reputazione in Germania. Il processo decisionale è un po' più lento, soprattutto con le aziende più grandi. La tipica gestione aziendale tedesca dà la priorità alla qualità, il che rende la valutazione più complessa. Tuttavia, il budget non è meno importante. Il recupero dell'investimento è un argomento importante da considerare al momento della decisione".

Dal campo alla tavola
Tuttavia, negli ultimi anni Zinken è stato strettamente coinvolto in numerosi progetti nei Paesi di lingua tedesca. "Da un lato, viene sostituita la tecnologia esistente, e superata. Dall'altro, ci sono sempre più player che prima si limitavano a confezionare le patate, per esempio, mentre ora le lavano, pelano e sbollentano, il che crea un bisogno crescente della tecnologia corrispondente. Ciò è di nuovo legato al rendere la catena di approvvigionamento più sostenibile, dove la domanda chiave è: come possiamo portare i prodotti al consumatore senza deviazioni e trasporti inutili di prodotti semilavorati? Nonostante il cambiamento delle strutture di mercato, anche le aziende più piccole hanno il diritto assoluto di esistere, purché trovino una nicchia buona e stabile".

Come consulente indipendente, Ger costituisce il collegamento tra fornitore e cliente. "La domanda di consigli validi e di conoscenze tecniche è assolutamente presente. Soprattutto nelle grandi aziende ortofrutticole, team specifici erano responsabili della realizzazione di un progetto. Al giorno d'oggi questa capacità non è più disponibile e un project manager cercherà parti che possano aiutare e/o consigliare nel prendere le decisioni giuste e anche a consegnare il progetto. In questo vuoto agisco come un fornitore di servizi di supporto e di ampio respiro, che non fa l'emissario di un solo marchio".

Per maggiori informazioni:
Ger Zinken
Zi-Vision BV
Concordiastraat 61
6142 BS Einighausen - Paesi Bassi
+31 (0)6 2936 9533
ger.zinken@zi-vision.de  
www.zi-vision.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto