Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Viticoltori e spedizionieri cileni confidano in un'annata migliore

Sono iniziate le spedizioni di uva da tavola cilena verso gli Stati Uniti, e troveranno un mercato forte.

La Rio Blanco, con sede in Cile, ha iniziato la produzione un mese fa nel nord del Paese, con forniture più limitate provenienti da una buona resa produttiva. Tuttavia, ora si sta passando alla IV regione del Cile, Vicuña e Ovall. "In generale, il volume sembra soddisfacente", dice Nicolas Damm della Rio Blanco, aggiungendo che l'offerta complessiva dell'azienda comprende, per circa il 75%, varietà di proprietà. La stagione inizia con Sweet Celebrations, Sweet Globe, Sweeties, Sweet Sapphires e Cotton Candy.

"Il meteo non ci ha preoccupato, abbiamo avuto una primavera favorevole". Quello che preoccupa sempre i coltivatori cileni è la siccità. Damm osserva che l’azienda si sta concentrando sulla gestione delle risorse idriche e sull'utilizzo di quanta più tecnologia possibile per avere un’irrigazione efficiente.

La Rio Blanco arriva sul mercato quando il Perù sta raccogliendo da tempo. "Probabilmente sono al 60% della loro stagione, forse anche di più. Sono i nostri concorrenti più forti oggi, in termini di volume, soprattutto negli Stati Uniti", afferma Damm, osservando che i volumi di uva da tavola provengono in gran parte dai Paesi sudafricani, come Namibia e Sudafrica. "La California dovrebbe aver terminato. Già nell'ultimo mese, la quantità di frutta nelle celle refrigerate è stata inferiore, in particolare per l'uva da tavola rossa senza semi", afferma Damm.

Il picco inizia a febbraio
Il Cile spedisce generalmente fino alla fine di aprile, con picchi di approvvigionamento da metà febbraio a fine marzo.

Nel frattempo, la domanda di uva da tavola è forte. “Poiché gli Stati Uniti stanno registrando una buona movimentazione, ci chiedono di caricare il più velocemente possibile. E con un buon mercato statunitense, non è necessario cercarne un altro", afferma Damm.

Ovviamente una buona movimentazione di merci dipende dalla logistica che però continua a essere una sfida. "Ci colpisce in entrambe le direzioni. Importiamo molti materiali di imballaggio e la maggior parte dei sacchetti di plastica dalla Cina, oltre a fertilizzanti e alcuni prodotti fitosanitari", continua Damm. "E per quanto riguarda le esportazioni, le navi non riescono ad arrivare in tempo. A volte abbiamo partenze a vuoto. Impiegano più tempo per raggiungere le destinazioni. E poi ci sono i costi aggiuntivi per il trasporto e l'importazione dei materiali di imballaggio. Sarà una stagione difficile perché bisognerà avere buoni frutti e ottenere dei prezzi adeguati, così da assorbire questi costi extra".

Forte mercato a gennaio
Il mercato delle uve da tavola rosse senza semi attualmente è forte, più che nello stesso periodo dell'anno scorso. Anche le uve da tavola bianche senza semi stanno trovando un mercato solido. "Quando siamo arrivati 10 giorni fa, c’era un ottimo mercato per le rosse e probabilmente continuerà così per tutto gennaio. Si verificherà un rallentamento, ma a un livello più alto rispetto alla scorsa stagione, proprio mentre il Cile inizierà ad aumentare i suoi volumi", dice Damm.

E per mantenere forte questo mercato, i coltivatori cileni si stanno concentrando per spedire la frutta migliore della stagione. "Nella scorsa campagna, sono stati caricati frutti di bassa qualità e quindi ci sono state delle perdite molto pesanti qui in Cile. Confido che i coltivatori abbiano imparato dall'anno scorso e siano più responsabili in ambito di qualità e condizioni d’esportazione", conclude Damm.

Per maggiori informazioni:
Nicolas Damm
Rio Blanco
+56 (2) 2307 4100
nicolas.damm@rioblanco.net     
www.rioblanco.net


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto