Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Miguel Gómez dell'azienda spagnola Montosa

La siccità non ha consentito agli avocado di raggiungere la pezzatura media abituale

Il 2022 è iniziato con ottime prospettive per gli avocado. Nel recente rapporto "Agricultural Outlook 2021-2030", l'OCSE e la FAO prevedono che questo frutto tropicale sarà quello che crescerà di più nei prossimi 8 anni, e che nel 2030 raggiungerà una produzione di 12 milioni di tonnellate. L'avocado sarà quindi l'esotico più esportato nel mondo (banane escluse), prima di ananas e mango.

Inoltre, la sua produzione continuerà a crescere alla stessa velocità esponenziale registrata negli ultimi anni a livello globale, Spagna inclusa.

Le statistiche agricole fornite dal Ministero spagnolo dell'agricoltura, pesca e alimentazione mostrano che in Spagna, solo 50 anni fa, la superficie stimata dedicata agli avocado era così insignificante che i dati facevano riferimento al numero degli alberi (per curiosità: nel 1961 si stimava un totale di 150 alberi di avocado a Malaga), mentre oggi ci sono quasi 16.000 ettari che producono più di 99.000 tonnellate di avocado.

Questi dati fanno della Spagna, in particolare Malaga, nella regione di Axarquía, il più grande produttore di avocado nell'Unione europea. Ed è lì che ha sede la Montosa, un'azienda che festeggia quest'anno il suo 40° anniversario e che si è conquistata una delle prime posizioni tra i player principali del settore subtropicale spagnolo.

"Vendiamo ogni anno circa 48.000 tonnellate di frutti, tra cui avocado, mango e guacamole", afferma Miguel Gómez, responsabile marketing della Montosa. "Il nostro mercato principale, dopo quello domestico, è la Francia, anche se siamo presenti con i nostri prodotti in diverse zone d'Europa".

"Per quanto riguarda la campagna spagnola dell'avocado, la varietà per eccellenza qui in Axarquia è l'Hass, un frutto con un sapore migliore e una consistenza che si adatta perfettamente anche al nostro clima", afferma Miguel. "Quest'anno, le ondate di caldo estivo hanno indubbiamente messo a dura prova la produzione. Dopo cicli ripetuti di due o tre giorni, con temperature vicine ai 40 ºC, abbiamo registrato una cascola dei frutti che potrebbe limitare gli esiti della campagna. Inoltre, La siccità di inizio stagione non ha consentito agli avocado di raggiungere la pezzatura media abituale, cosa che speriamo accada dopo le ultime piogge di dicembre".

"Per quanto riguarda l'approvvigionamento idrico, la situazione è senza dubbio difficile. È vero che stiamo soffrendo la peggiore siccità dal 2008, ma ci sono soluzioni che avrebbero dovuto essere attuate anni fa e, invece, sono ancora in cantiere o non sono state completate: impianti di desalinizzazione, trasferimento o depurazione dell’acqua, che iniziano a essere utilizzati ma ancora molto limitatamente, considerata la disponibilità".

Tuttavia, nonostante l'entità del problema, i primi risultati forniti dal governo dell'Andalusia sulla campagna d’esportazione delle colture subtropicali 2021/22 mostrano la resilienza e la vitalità del settore. I dati da agosto a ottobre rivelano che le esportazioni del mango andaluso sono aumentate del 29% in volume e del 9% in valore, rispetto alla stagione precedente, raggiungendo un valore di 40 milioni di euro e un volume di 26.400 tonnellate. Nel mese di ottobre, si è registrato un aumento significativo delle esportazioni. I dati registrati da settembre a ottobre mostrano che le esportazioni di avocado sono aumentate del 4%, in termini di volume.Tecnologia HPP
Oltre alla frutta fresca, l’azienda di Malaga produce uno dei guacamole più venduti in Spagna. Questa salsa di avocado è realizzata con la tecnologia per il trattamento ad alta pressione (HPP), che prolunga la shelf life del prodotto preservandone la freschezza originale. È uno dei prodotti di punta della catena Mercadona, che, secondo i dati di Kantar, è leader sul mercato del retail alimentare spagnolo, con una quota del 25% sul totale.

"Il trattamento ad alta pressione delle nostre macchine riesce ad eliminare completamente gli eventuali agenti patogeni che possono svilupparsi nel guacamole. È un processo che garantisce la totale sicurezza alimentare, cosa su cui non lesiniamo. Inoltre, le materie prime che utilizziamo sono sempre fresche. Non usiamo mai prodotti surgelati", conclude Miguel Gómez. "Le conoscenze acquisite con il nostro guacamole ci hanno anche aiutato a sviluppare la nostra salsa di mango. Anche questo nuovo prodotto è ottenuto con la tecnologia ad alta pressione e sta diventando sempre più popolare sul mercato".

Per maggiori informazioni:
Miguel Gómez Pariente
Montosa
Finca el Molino s/n
29792 (Valle-Niza) Malaga - Spagna
+34 952 51 35 33
miguel.gomez@frutasmontosa.com
www.frutasmontosa.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto