Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Oliver Huesmann di Fruit Consulting Ltd

Il mercato tedesco potrebbe perdere la Spagna come fornitore ortofrutticolo

Oliver Huesmann lavora nel settore ortofrutticolo da 30 anni, fornendo consulenza a diverse aziende in tutto il mondo. All'inizio di dicembre 2021, FreshPlaza ha pubblicato un comunicato stampa di Eurofreshproduce, in cui si afferma che il mercato tedesco stia diventando sempre meno interessante per i produttori spagnoli. Huesmann ha parlato con noi delle circostanze dietro questa ipotesi e del motivo per cui il mercato asiatico è il futuro per i produttori europei.

Cinque grandi player
"L'offerta e la domanda in Germania sono fondamentalmente assorbite da cinque grandi clienti, che insieme hanno una quota di mercato di circa il 70%", afferma Huesmann. "Le piccole e medie aziende agricole non riescono più a comunicare con le grandi aziende come prima. I produttori fino a 100 tonnellate non sono più un riferimento per la grande distribuzione alimentare tedesca, che a volte richiede 50 camion a settimana di un prodotto. La mancanza di comunicazione tra produttori e rivenditori tedeschi fa sì che i prezzi siano guidati dagli acquisti".

Più che i certificati, per i produttori sono decisivi i prezzi
"I certificati elaborati secondo gli standard tedeschi suggeriscono una sostenibilità globale che non esiste in questa forma". Huesmann sottolinea che tali certificazioni comportano anche costi che i produttori dei Paesi più poveri e/o strutturalmente più deboli, difficilmente possono sostenere. Inoltre, questi certificati sono soggetti a leggi più severe in Germania rispetto, ad esempio, a Paesi come la Spagna.

"Sarebbe quindi meglio se le certificazioni fossero accompagnate da una verifica in loco, a garanzia di un monitoraggio costante", afferma Huesmann. Inoltre, il fattore decisivo per i produttori spagnoli non è la conformità ai certificati, ma i prezzi delle materie prime. Anche i produttori dovrebbero beneficiare degli aumenti di prezzo. Dopotutto, se i rivenditori guadagnano il 30% in più, dovrebbero anche essere in grado di trasferire alcune percentuali ai produttori, in modo che questi possano produrre in modo sostenibile ed equo".

Secondo Huesmann, alla luce di queste sfide, i produttori spagnoli si trovano ora ad affrontare la questione se sia redditizio rimanere nel settore agricolo, in particolare per il mercato tedesco. "Non ci sono opportunità per gli agricoltori di entrare in contatto direttamente con i retailer. Come produttore di appena 100 tonnellate, è più probabile diventare un partner in un mercato di nicchia in Asia".

Prodotti standard per la vendita al dettaglio, premium con altri fornitori
Al giorno d'oggi, i prodotti premium speciali si possono trovare solo presso i rivenditori che non appartengono alle grandi catene. Tuttavia, non si prevede una crescita importante in quest'area, poiché si tratta principalmente di un mercato di passaggio, secondo Huesmann. "A loro volta, i retailer vogliono prodotti standard che si concentrino su fornitura massiva e prezzi stabili. La maggior parte degli altri fornitori nei mercati all'ingrosso sono fondamentalmente acquirenti dei beni invenduti o in sovrapproduzione. Uno dei motivi per cui il mercato all'ingrosso funziona ancora è che rivende l'inventario di generi alimentari in eccesso ai servizi di ristorazione e così via".

Le aziende agricole familiari che esistono da generazioni sono passate alla vendita al dettaglio, ma i consumatori finali continuano ad affidarsi alle certificazioni, che sono per lo più inesistenti in questa forma. "Il mercato tedesco sta affrontando una situazione in cui potrebbe perdere la Spagna come principale produttore di frutta e verdura. A causa delle merci provenienti da Messico, Perù, Marocco, Egitto, Turchia e altri, i prodotti spagnoli vengono sempre più esclusi dal mercato. La Spagna ha già perso circa il 30% della sua quota di mercato del pomodoro", ha concluso Huesmann.

Per maggiori informazioni:
Oliver Huesmann
FRUITCONSULTING ltd.
Apto. Correos 155
ES-29730 Málaga (Rincon d.l.V.)
+34 951 105 792 
info@fruitconsulting.eu  
de.fruitconsulting.eu/startseite


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto