Francia: cala la produzione dei cavolfiori nel 2021

Secondo le stime del 1 dicembre 2021, il raccolto nazionale francese del cavolfiore per la campagna 2021/22 raggiungerebbe le 218.700 tonnellate, ossia il 6% in meno rispetto allo scorso anno e il 15% in meno rispetto alla media 2016-2020. Anche la superficie nazionale (15.200 ha) mostra un calo dell'1% rispetto alla campagna precedente. Diverse crisi si sono susseguite all'inizio della campagna, a causa dello squilibrio tra un’offerta abbondante e una scarsa richiesta. A novembre, le forniture sul mercato si sono drasticamente ridotte a causa del gelo, che ha generato prezzi più elevati. I prezzi di novembre sono risultati in aumento dell'83% rispetto allo scorso anno, e del 16% in più rispetto alla media quinquennale", come indicato dal servizio di statistica agricola francese Agreste in un rapporto sulla situazione.

Secondo le stime del 1 dicembre 2021, in Francia le coltivazioni di cavolfiore per la campagna 2021/22 hanno raggiunto 15.184 ettari, ovvero l'1% in meno rispetto allo scorso anno e il 6% in meno rispetto alla media degli ultimi 5 anni. La produzione nazionale francese di cavolfiori è stimata in 218.729 ton, cioè il 6% in meno rispetto allo scorso anno, e il 15% in meno rispetto alla media 2016-2020 (la produzione 2020/21 è stata rivista al rialzo a 233.800 ton).

Nella regione Hauts-de-France, la campagna 2021/22 è iniziata più tardi del previsto, a causa delle temperature rigide di aprile, e in Bretagna la campagna 2020/21 si è conclusa in ritardo. A ovest, i picchi di calore in estate hanno influenzato la produzione del 2021 per diverse varietà. E, nel nord della Francia, le eccessive piogge dei mesi estivi hanno fatto marcire i cavolfiori e ne hanno compromesso la qualità.

All'inizio dell'autunno, le condizioni climatiche sono diventate più favorevoli per il raccolto, e quindi a ottobre le rese sono state piuttosto elevate. A novembre, le temperature molto più rigide hanno rallentato la crescita dei cavolfiori, e i livelli di produzione sono risultati inferiori del 47% rispetto a novembre 2020.

Prezzi più alti dell'anno scorso e della media quinquennale
All'inizio della campagna 2021/22, i prezzi del cavolfiore sono risultati bassi rispetto alla media di 5 anni e alla campagna 2020/21. La Bretagna ha avuto ancora volumi significativi da offrire alla fine della campagna precedente. Oltre ad alcuni periodi con prezzi più alti tra luglio e agosto, a causa dei minori volumi disponibili, i prezzi estivi sono rimasti piuttosto bassi, per via del livello stabile di consumo. Ad ottobre, l'offerta è stata elevata a causa del prolungato clima mite, ma ha avuto delle conseguenze sui prezzi. A novembre, i prezzi si sono nettamente ripresi, con il clima invernale che ha ridotto l'offerta. L'aumento dei prezzi ha raggiunto l'83% rispetto allo scorso anno e il 16% rispetto alla media quinquennale.

Da giugno a ottobre 2021, la Francia ha esportato 12.700 ton (+3% rispetto all'anno precedente) di cavolfiori e broccoli, e importato 11.300 ton (+26% rispetto all'anno precedente).

Fonte: agriculture.gouv.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto